I DATI

Allarme caldo a Napoli, assalto ai pronto soccorso: in 206 al Cardarelli, +20% al Pellegrini

SULLO STESSO ARGOMENTO

Prosegue a Napoli l’allarme per i pronto soccorso, super affollati dai cittadini per i problemi di salute legati all’ondata di caldo. In prima linea l’ospedale Cardarelli, che ieri ha registrato a fine giornata 206 persone entrate nel reparto di urgenza. Confermata la gravità dei pazienti che si presentano, con 15 codici rossi e 57 gialli. Sono stati 134, invece, i ricoveri di codice verde ieri al pronto soccorso, dove il personale è in pieno impegno.

Grave anche la situazione del secondo ospedale di Napoli, l’Ospedale del Mare, che dal 10 al 25 luglio ha avuto 160 accessi in più rispetto alla media, di cui una forte parte dovuta al caldo. Peggiora la situazione dei ricoveri nei pronto soccorso anche negli altri ospedali di Napoli, come al Pellegrini dove negli ultimi quattro giorni c’è stato il 20% di arrivi in più al pronto soccorso, un aumento quasi tutto legato alle ondate di caldo.

La Protezione Civile della Campania, intanto, ha emanato un avviso di allerta meteo per vento forte e mare agitato su tutto il territorio regionale, da stasera e per tutta la giornata di domani. Il settore costiero è quello più esposto e si raccomanda di prestare attenzione a ombrelloni, gazebo e strutture temporanee, oltre a massima prudenza per le imbarcazioni. Viene anche segnalato un “forte rischio incendi nelle zone costiere impervie e nelle pinete vicino al mare”, con il vento che può rappresentare una concausa di diffusione”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE