Bus in scarpata, autista indagato per omicidio stradale colposo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Omicidio stradale colposo e lesioni plurime: queste le ipotesi di reato sulle quali indaga la Procura di Benevento che ha iscritto nel registro degli indagati l’autista del bus.

Il mezzo con 36 passeggeri a bordo finito ieri mattina poco dopo le 3.30 in una scarpata dell’A16 Napoli-Canosa, tra i caselli irpini di Vallata e Lacedonia, dopo aver evitato l’impatto con cinque auto bloccate sulla carreggiata in seguito ad un tamponamento.

Nell’incidente ha perso la vita un giovane ivoriano alla guida di una delle quattro auto su sui viaggiavano altri giovani nordafricani diretti ai mercati della provincia di Napoli. Le loro quattro auto sono risultate prive di copertura assicurativa.

    L’iscrizione nel registro degli indagati dell’autista del bus, S.G le sue iniziali, 63 anni originario di Roma, è un atto dovuto per consentire agli inquirenti gli accertamenti irripetibili sulla tratta autostradale in cui è avvenuto l’incidente (in discesa e con molte curve, il limite di velocità è di 80kmh, ndr) e su tutte le auto coinvolte.

    Nella giornata di ieri, l’autista, difeso dall’avvocato Guerino Gazzella, era stato sottoposto all’alcol test e al drug test risultando negativo. Acquisita anche la “scatola nera” del bus per verificare velocità, tempi di sosta e tempi di percorrenza del bus partito la sera prima alle 23 da Lecce e diretto a Roma dove sarebbe dovuto arrivare alle sette.

    Dall’ultima ricostruzione della Polstrada, una delle cinque auto coinvolte nel tamponamento era occupata da una coppia di giovani napoletani di San Giovanni a Teduccio: entrambi non hanno riportato conseguenze di sorta.

    Si chiamava Malick Fall, nato in Senegal 26 anni fa e domiciliato a Forlì, il ragazzo morto nell’incidente stradale avvenuto ieri, al chilometro 101+730 dell’A16 nel territorio di Vallesaccarda, in provincia di Avellino.

    Le indagini, svolte dalla polizia stradale di Grottaminarda e coordinate dalla procura di Benevento, hanno permesso di identificare anche la persona ferita che si trova ricoverata in gravi condizioni all’ospedale San Pio di Benevento.

    Si tratta del 35enne Alassane Loum, anche lui senegalese, domiciliato a Napoli. La prognosi resta riservata.

    Malik Fall è morto sul colpo alla guida di una delle quattro auto su cui viaggiava un numero imprecisato di giovani nordafricani diretti a vendere la merce nei mercati in provincia di Napoli.

    LEGGI ANCHE

    Napoli, muore a 21 anni dopo intervento per aumentare il seno

    Nella zona di San Pietro a Patierno a Napoli, si è consumata una tragedia che ha lasciato tutti sconvolti. La giovane Alessia Neboso ha perso...

    L’attrice Ida Di Benedetto dopo il furto in casa: “Venivo qui per vedere il mare, andrò via da Napoli”

    "Qualcuno ha fatto irruzione nella mia camera da letto alle sei del mattino, ci ha chiusi all'interno. Mi sono resa conto della situazione e...

    Napoli, 21enne morta dopo intervento al seno, Asl chiude clinica

    L'Asl Napoli 1 Centro ha disposto la sospensione dell'attività della clinica privata, Smeraglia Clinic di via Benedetto Brin a Gianturco, nella quale è stata...

    IN PRIMO PIANO