LE DICHIARAZIONI

Spalletti annuncia l’addio: “A volte per troppo amore ci si lascia. Starò fermo un anno”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“A volte per amore si lascia…Alla mia età posso decidere di fare qualsiasi cosa. Quando si ha davanti una città come Napoli, che merita delle cose, bisogna domandarsi se siamo in grado di metterle a disposizione oppure no. Napoli non merita le cose normali, merita molto di più”. Ospite del premio MCL “Inside the Sport” organizzato dal Movimento Cristiano Lavoratori, con il patrocinio e supporto USSI, al Museo del calcio di Coverciano, Luciano Spalletti conferma quanto annunciato ieri da De Laurentiis: dopo averlo condotto allo scudetto interrompendo un’attesa lunga 33 anni, il tecnico di Certaldo lascerà il Napoli.

PUBBLICITA

“Ho detto ai miei figli che a Napoli quando ti chiamano bisogna andarci ma quando lo si fa, poi bisogna vincere – ha proseguito – perché ha visto i giocatori piu’ forti del mondo fra cui il più forte – il riferimento a MaradonaMa ha visto anche allenatori fortissimi”, aggiunge riconoscendo che nello scudetto conquistato c’è anche qualcosa dei suoi predecessori “perché Sarri è un maestro di calcio, Ancelotti è uno dei numeri uno, Gattuso è un passionale ed uno di quelli che mette il cuore quando fa le cose, c’è stato Benitez che è un allenatore internazionale”.

“Quando si va a Napoli bisogna vincere, alla fine del primo anno non lo abbiamo fatto e siamo stati anche po’ criticati, ma dopo lo scudetto uno si chiede se sia in grado di rifarlo”. Da qui la scelta di fare “un passettino indietro”, anche per dedicare più tempo alla figlia Matilde. “Ho bisogno di riposarmi perché effettivamente mi sento un po’ stanco e ho bisogno di stare un po’ da parte. De Laurentiis giustamente ha raccontato quello che ci siamo detti alla prima cena dove ci siamo visti, ho iniziato io dicendo: ‘Quest’anno sto fermo’, e quindi non allenerò né il Napoli, né un’altra squadra. Era giusto che certe cose le dicesse la società”.



    Spalletti: “Lascio Napoli per troppo amore, farò anno sabbatico”

    Di Napoli “mi mancherà un po’ tutto. Di questo me ne accorgerò quando la squadra andrà in ritiro oppure quando ci saranno le partite in cui giocherà il Napoli. Per il momento penso che mi mancherà un po’ tutto”, ha evidenziato Spalletti escludendo ripensamenti: “Mi hanno insegnato fin da piccolino che si diventa grandi in base alle decisioni che si prendono ed io per me ho sempre deciso io”. Spalletti rivela poi che De Laurentiis aveva qualche dubbio sul paese di provenienza di Kvaratskhelia ma quando si va a completare una rosa si mettono i tasselli che mancano”.

    “Giuntoli fa i nomi di chi ha visionato, alcuni si conoscono, altri si vanno un po’ a vedere, e su altri ci si fida, come Anguissa. Io su Anguissa mi sono fidato di Giuntoli che mi diceva sempre come fosse forte, ed è stato fortissimo – chiosa Spalletti – Kim lo abbiamo guardato, in quel momento lì avevamo due-tre opzioni, e avendolo visto ci ha convinto totalmente, ha anche margini di miglioramento incredibili”. 

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    Nell'Empoli si respira un'atmosfera carica di determinazione in vista dell'importante sfida di campionato contro il Napoli. Il tecnico Davide Nicola, alla vigilia dell'incontro, ha espresso fiducia e ambizione durante una conferenza stampa. "Incontriamo i campioni d'Italia, è una grande soddisfazione farlo," ha dichiarato Nicola. "In...

    Prossima Partita

    Classifica

    IN PRIMO PIANO

    Ultime Notizie

    Il consigliere Simeone: “Sono per la riqualificazione dello stadio Maradona, come Manfredi e i napoletani”

    Nino Simeone, consigliere comunale di Napoli e presidente della commissione infrastrutture, ha dichiarato durante la trasmissione "Si Gonfia la Rete" su Radio Crc: "Attualmente stiamo discutendo con De Laurentiis e il ministro delle infrastrutture riguardo ai progetti per gli Europei". "Il Comune di Napoli desidera riqualificare lo stadio Maradona, mentre il presidente ha in mente di costruire un nuovo stadio...