Cava de’ Tirreni, calciatore 17enne cade dallo scooter ed è travolto da un camion: morto Francesco Pontone

E' indagato per omicidio stradale il conducente del camion...

Teatro Tram, la stagione si chiude con ‘Le operette morali’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Teatro Tram chiude la stagione 2022/2023 e lo fa con “Le operette morali” di Giacomo Leopardi, spettacolo di grande successo che ha debuttato un anno e mezzo fa e da allora ha girato l’Italia in lungo e in largo con 9 delle 24 prose del poeta di Recanati morto a Napoli nel 1837. Da giovedì 27 a domenica 30 aprile, dialoghi serrati che fanno ridere, piangere, riflettere, attraversando l’intero arco delle emozioni umane grazie alla regia di Mirko Di Martino, che della sala di Via Port’Alba è fondatore e direttore artistico, e alle interpretazioni di Antonio D’Avino e Nello Provenzano.

PUBBLICITA

In scena una delle vette più alte della letteratura universale: un venditore di almanacchi che vuole convincere (e convincersi) che il futuro sarà più radioso, un folletto che deride gli esseri umani insieme a uno gnomo, la natura dalle sembianze di donna che parla con un viaggiatore e lo mette di fronte alle contraddizioni dell’uomo: Leopardi non aveva certo in mente il teatro quando, nel 1824, dava alle stampe le “Operette morali”, eppure questi testi sembrano pensati e scritti proprio per il teatro, per i loro tempi scenici, per la loro attualità, il gusto per la citazione e la parodia, la presa in giro delle manie e delle fissazioni, il contenuto filosofico nascosto nelle banalità quotidiane, la mescolanza di stile elevato e popolare, il piacere della battuta e del gioco di parole.

Il testo si fa avanti con forza e una inaspettata ironia che, ancora oggi, appare così stridente in confronto all’armonia delle sue poesie, e che invece caratterizza fortemente il lavoro di Leopardi, per chi non si è limitato a ingabbiarlo nello stereotipo del “pessimista”. A guardarle una dietro l’altra, queste operette, sembra di assistere a una serie antologica distopica, un Black Mirror dell’Ottocento.

“Il testo originale si compone di 24 prose, soprattutto dialoghi – spiega Mirko Di Martino -. Ne abbiamo scelte nove. È stata una selezione difficile, inevitabilmente parziale, ma condotta sulla base dei temi principali: il desiderio di felicità, il dolore, la morte, il rapporto dell’uomo con gli altri uomini e con l’universo. In scena due soli attori interpretano tutti i personaggi, due figure di uomini arrivati alla fine del tempo, quando tutto è consumato, quando le illusioni sono sparite e non resta più spazio per l’azione, ma solo per la rappresentazione”.

Le Operette Morali rappresentate:

  • La scommessa di Prometeo
  • Dialogo di un Folletto e di uno Gnomo
  • Dialogo di Malambruno e di Farfarello
  • Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie
  • Dialogo della Natura e di un Islandese
  • Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez
  • Dialogo di un venditore d’almanacchi e di un passeggere
  • Dialogo di Tristano e di un amico
  • Cantico del gallo silvestre

***

Dal 27 al 30 APRILE 2023

LE OPERETTE MORALI
di Giacomo Leopardi
testo e regia di Mirko Di Martino
con Antonio D’Avino e Nello Provenzano
scene di Giorgia Lauro
aiuto regia Angela Rosa D’Auria
foto Valentina Cosentino
produzione Teatro dell’Osso in collaborazione con Teatro TRAM

Biglietti: intero € 13,00 | ridotto € 10,00 (under 26 e over 65)

Orari degli spettacoli:

  • Giovedì ore 21.00
  • Venerdì ore 20.00
  • Sabato ore 19.00
  • Domenica ore 18.00

info e prenotazioni: cell. 342 1785 930 | tel. 081 1875 2126 | email tram.biglietteria@gmail.com


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE