Medico casertano cura e salva i piedi a un direttore d’orchestra

SULLO STESSO ARGOMENTO

È iscritto all’Ordine dei Medici di Caserta il professionista che con una tecnica innovativa è riuscito a evitare l’amputazione di entrambi i piedi a un paziente, direttore dell’Orchestra da Camera fiorentina.

Si tratta di Armando del Prete, 38 anni, dirigente medico presso l’Ospedale Universitario Careggi. Qui lavora nel reparto di ortopedia e si occupa specificamente della chirurgia del piede. Diploma allo scientifico Diaz di Caserta , Università della Campania Luigi Vanvitelli, specializzazione in ortopedia a Firenze, città che ora lo accoglie.

A darne notizia il Consiglio dell’Ordine dei Medici di Caserta , presieduto da Carlo Manzi. “Spesso ci capita di leggere di imprese professionali da parte di nostri iscritti operanti fuori regione. Nel caso specifico si tratta di un amico e collega che ha frequentato con me la facoltà di medicina del territorio per poi spostarsi a Firenze per la specializzazione in ortopedia – sottolinea Manzi – Se da un lato queste notizie ci riempiono di gioia e di orgoglio, dall’altro penso a come la mobilità sanitaria in uscita si ridurrebbe richiamando queste professionalità nelle strutture del Servizio Sanitario Regionale campano”.



    A raccontare l’operazione che ha evitato l’amputazione di entrambi i piedi a un direttore dell’Orchestra, è lo stesso Armando Del Prete. “Il paziente – spiega – presentava una infezione bilaterale dei piedi. Questi casi si chiamano ‘cancrene umide’ e vengono trattate con l’amputazione dei piedi.

    Ipotesi che non aveva accolto di buon grado il paziente, considerata anche la sua attività. Da qui la proposta di utilizzare una nuova e innovativa tecnica che prevede l’utilizzo di dispositivi che una volta impiantati rilasciano antibiotico, che in questo modo funziona dove serve. Questa era la novità”.

    “Naturalmente – aggiunge – a questo si è arrivati dopo un percorso un po’ più lungo. Il maestro è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive per tre settimane, durante le quali si è intervenuti per far ridurre il gonfiore del piede, quindi la sala operatoria per una detersione chirurgica.

    È stato prelevato del tessuto infetto per analizzarlo e capire il tipo di batterio, individuando così l’antibiotico idoneo. Dopo una decina di giorni il paziente è stato riportato in sala operatoria ed è stato ripulito di tutto il tessuto infetto, quindi anche all’interno dell’osso, inserendo fosfato calcico con aggiunta di antibiotico specifico.

    Questa tecnica è andata bene. Il paziente ha risposto molto bene e nell’arco di circa due mesi le ferite si sono chiuse, il piede non era più gonfio e il paziente ha ripreso ad alzarsi. Ma soprattutto il maestro ha ripreso la sua attività”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    “Strade sicure”, arrivano altri 120 militari per Napoli e provincia

    Operazione "Strade Sicure" in provincia di Napoli: decisa la proroga e il potenziamento delle attività di controllo. Il prolungamento dell'Operazione "Strade Sicure" nell'area metropolitana di Napoli è stato deciso in conformità alla Legge 30 novembre 2023 (n.213. Questa decisione prevede anche l'impiego di ulteriori 120 unità a supporto dell'operazione. Il nuovo personale sarà impiegato per intensificare la sorveglianza nelle zone vicine alle stazioni ferroviarie e in altri luoghi sensibili. L'arrivo delle nuove unità permetterà un potenziamento delle...

    Caserta, 18enne picchiato e chiuso in un bagagliaio: 4 arresti

    Un 18enne pestato, sequestrato e caricato nel bagagliaio di un'auto. I Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere hanno arrestato 4 persone per i reati di lesioni personali aggravate, violenza privata e sequestro di persona. L'aggressione è avvenuta la notte tra il 21 e il 22 febbraio 2023. La vittima, un 18enne, si trovava in piazza De Michele a Macerata Campania con alcuni amici. Un gruppo di ragazzi lo ha aggredito, colpendolo con pugni al volto e...

    Sospeso il generale Vannacci, ‘compromesso prestigio Difesa’

    Il generale Roberto Vannacci è stato sospeso dal ministero della Difesa, con l'accusa di aver compromesso il prestigio dell'ente a cui appartiene a causa della pubblicazione del libro 'Il mondo al contrario'. L'avvocato difensore Giorgio Carta ha reso noto che verrà presentato un ricorso urgente al Tar Lazio, contestando la decisione disciplinare che prevede 330 giorni di sospensione, detrazione di anzianità e riduzione dello stipendio. La difesa sostiene che tale provvedimento violi il diritto alla libera...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE