Napoli, picchiata dal figlio del boss perché trans

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ha riferito alle forze dell’ordine di essere stata aggredita dal figlio del boss dopo che quest’ultimo aveva scoperto che era una transessuale.

L’episodio – sul quale sta indagando la Polizia di Stato su delega della sezione “fasce deboli” della Procura – è avvenuto a Napoli, la notte tra il 13 e il 14 gennaio scorsi. E’ stata la stessa ragazza, giovanissima, piuttosto nota sui social, a fare la rivelazione al figlio del boss, mentre erano appartati.

Lui però, secondo il racconto fornito dalla presunta vittima, avrebbe reagito male: avrebbe tentato di palpeggiarla, per poi picchiarla e lasciarla dolorante davanti alla sua abitazione.



    Lei ha deciso di denunciare la violenza sessuale: si è recata in commissariato e riferito alle forze dell’ordine dei presunti abusi subìti. La giovane si è anche recata in un ospedale della città dove i sanitari hanno riscontrato contusioni giudicate guaribili in 15 giorni.

     


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Antonio Scurati, ha recitato (e in parte aggiunto) a Napoli, durante l'evento Repubblica delle Idee, il monologo sul 25 aprile che avrebbe dovuto essere presentato su Rai3 da Serena Bortone. Il pubblico ha interrotto l'autore più volte con applausi. "Il fascismo è stato, per tutta la sua esistenza storica e...
    Tragedia ad Esino Lario, dove Pierluigi Beghetto, 53enne consigliere comunale e assessore, è stato ucciso oggi nel corso di una lite condominiale. L'aggressore, Luciano Biffi, 50enne vicino di casa della vittima, è stato fermato dai carabinieri per omicidio volontario. Biffi, già noto alle forze dell'ordine per problemi economici e psicologici,...
    La tranquillità post-partita è stata spezzata dai violenti scontri avvenuti al termine della partita tra Monza e Napoli dello scorso 7 aprile. Il Questore di Monza e della Brianza, Salvatore Barilaro, ha emesso una serie di provvedimenti draconiani contro gli ultras locali, autori delle violente aggressioni ai danni della...
    Il segretario regionale dell'Osapp Campania, Vincenzo Palmieri lancia un appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: "Dramma suicidi da inizio anno 32 detenuti tutti affetti da patologie mentali e tossicodipendenza". Secondo Palmieri: "E' il momento di agire, urgono modifiche legislativa per deflazionare gli istituti penitenziari non solo della Campania, oramai...

    IN PRIMO PIANO