🔴 ULTIME NOTIZIE :

google news

In Campania 66% delle scuole necessita di manutenzione urgente

In Campania sette edifici su dieci non dispongono ancora del certificato di collaudo statico (70%), […]

    In Campania sette edifici su dieci non dispongono ancora del certificato di collaudo statico (70%), otto su dieci manca quello di agibilità (82%), migliore la situazione per la prevenzione incendi (57%).

    Gli edifici scolastici posti in zona sismica 1 sono il 19%, tra questi nessuno risulta progettato o adeguato alla normativa tecnica di costruzione antisismica, quelli in zona sismica 2 sono il 80% anche qui nessuno progettato o adeguato alla normativa.

    Sul fronte manutenzione straordinaria gli edifici in cui si è intervenuti negli ultimi 5 anni sono il 60%, tuttavia non si è riusciti a soddisfare tutte le necessità visto che il 66% richiede interventi urgenti.

    La sicurezza non abita ancora nelle scuole campane. È quanto denuncia Legambiente con la XXII edizione di Ecosistema Scuola in cui fa il punto, con dati riferiti al 2021, sullo stato di salute di 99 edifici scolastici di tre capoluoghi di provincia( Avellino-Benevento e Salerno) – tra scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado – frequentati da una popolazione di oltre 20mila studenti.

    “Saranno 216 le scuole nuove previste dal PNRR, finanziate con 1 miliardo e 189 milioni di cui il 42,4% destinati al Mezzogiorno, con l’obiettivo di avere plessi più innovativi, sostenibili, sicuri e inclusivi.

    Una nuova generazione di scuole- commenta Francesca Ferro, direttrice Legambiente Campania- che faranno la differenza qualitativa, se saranno capaci di rispondere anche ai bisogni educativi e sociali oltre che di sostenibilità strutturale e gestionale di quelle realtà più a rischio povertà educativa.

    Il grande nodo rimane, la qualità diffusa delle scuole che, dall’osservatorio privilegiato dei 22 anni della nostra indagine, vede pochi e lenti miglioramenti che rischiano, in assenza di interventi diffusi e rapidi, di non superare mai il cronico stato di emergenza.

    Il caro energia, entrato prepotentemente in campo in questi anni, rende la questione storica dell’efficientamento degli edifici scolastici ancora più urgente: uno dei principali cantieri di edilizia pubblica non più rinviabili come dimostra la nostra indagine dove solo 15 edifici sui 99 monitorati utilizzano fonti di energia rinnovabile.

    ” Entrando nel dettaglio dell’indagine di Legambiente lievemente in crescita gli edifici in cui sono state effettuate le indagini diagnostiche dei solai negli ultimi cinque anni (33%) mentre solo in otto edifici sono stati effettuati interventi di messa in sicurezza dei solai.

    Dati ancora insufficienti visto che parliamo di un intervento di fondamentale importanza per prevenire fenomeni di crollo, principale motivo di incidente e di pericolo per la vita di studenti, docenti e personale scolastico.

    Sul fronte manutenzione straordinaria gli edifici in cui si è intervenuti negli ultimi 5 anni sono il 60%, tuttavia non si è riusciti a soddisfare tutte le necessità visto che il 66% richiede interventi urgenti.

    Negli ultimi anni sono stati stanziati diversi fondi per l’efficientamento energetico degli edifici scolastici, al fine di rendere le scuole meno energivore e implementare la produzione di energia da rinnovabili ma nei 99 edifici monitorati nessuno presenta la certificazione energetica.

    E i risultati sono critici visto che solo il 15% delle scuole indagate utilizzano impianti di energia rinnovabile Seppure tutte le scuole dovrebbero disporre di palestre e impianti sportivi di base, oltre alla piena utilizzazione degli impianti da parte della collettività, i dati rilevati ci restituiscono una fotografia diversa.

    Gli edifici con impianti per lo sport (palestre, campi esterni, ecc.) sono il 48%. Le scuole con impianti aperti in orario extrascolastico sono solo il 59%. Gli edifici scolastici con servizio di mensa scolastica sono il 23% .Dove presente, il servizio di mensa scolastica mostra situazioni di eccellenza.

    Il 100% dei Comuni prevede nei bandi di appalto la stagionalità degli alimenti e l’inserimento di menù alternativi per motivi religiosi e culturali, e la somministrazione di pasti biologici, criteri ecologici nelle procedure di acquisto (GPP); Rispetto ai pasti somministrati, la media di biologico nei pasti è del 90%-

    Tutte le mense privilegiano prodotti a Km0, sono il 53% quelle in cui vengono serviti pasti con prodotti IGP, DOP Interventi e Speciali Fondi Covid: con gli interventi previsti con gli speciali Fondi Covid per realizzare nuove aule, potenziare i trasporti e la rete internet, nei tre capoluoghi di provincia sono 13 le aule realizzate nel 2021, di cui 8 nuove e 5 recuperate da spazi precedentemente non utilizzati.

    Il 100% dei comuni ha adottato misure specifiche garantendo il trasporto scolastico gratuito. “Come raccontiamo in Ecosistema Scuola – spiega Valentina Onesti, responsabile ufficio scuola Legambiente Campania – sarà fondamentale pensare alla riqualificazione delle nostre scuole come a un cantiere di rigenerazione urbana, sociale e educativa, condividendo il tutto con la comunità locale che si fa comunità educante, per attuare percorsi condivisi attraverso la coprogettazione sia nei servizi che nella riqualificazione e costruzione di nuove scuole”.

    Per rafforzare il lavoro concreto sui territori Legambiente Campania ha avviato ad inizio anno scolastico un percorso dal nome “Green Energy Revolution” di educazione energetica e sui green jobs in 10 istituti scolastici della Campania.

    La scuola deve rappresentare un veicolo formativo rispetto ai temi energetici e, più in generale, della sostenibilità, accompagnando e guidando i ragazzi e le ragazze ad essere i protagonisti attivi dello sviluppo equo, solidale e sostenibile.

    I dati per le città capoluogo. L’indagine per Avellino ha riguardato 27 edifici scolastici per una popolazione di circa 5000 ragazzi. Tutti gli edifici sono in possesso di certificato collaudo statico, 25 edifici sono in possesso certificato prevenzione incendi ma solo 7 edifici hanno certificato di agibilità.

    Sono 14 gli edifici che hanno goduto di interventi urgenti di manutenzione straordinaria negli ultimi cinque anni. Il comune dichiara di aver effettuato la verifica di vulnerabilità sismica in tutti gli edifici Sono sei gli edifici scolastici che utilizzano fonti rinnovabili mentre negli ultimi cinque anni su 14 edifici sono state effettuate indagini diagnostiche dei solai e 9 sono stati messi in sicurezza.

    In tutte le 27 scuole si pratica la raccolta differenziata. Sono 16 gli impianti sportivi agibili presenti negli edifici scolastici. Quattro edifici usufruiscono di uno scuolabus comunale. In tutti gli edifici scolastici sono dotati di un servizio di mensa scolastica Per Benevento l’ indagine ha riguardato 19 edifici scolastici per una popolazione di circa 4600 ragazzi.

    Solo due scuole sono in possesso del certificato di collaudo statico, un solo edificio quello di agibilità mentre solo cinque hanno certificato prevenzione incendi. Sono 17 gli edifici che hanno goduto, negli ultimi cinque anni, di interventi di manutenzione straordinaria.

    In tutti i plessi si pratica la raccolta differenziata mentre solo un istituto è dotato di una rete wi-fi.

    Tre gli edifici che utilizzano fonti rinnovabili. Nel 2021 il Comune di Benevento segnala la riorganizzazione del servizio mensa, insistendo anche sulla sua importanza per il rilancio delle scuole a tempo pieno e sul ruolo educativo del pasto, con iniziative di formazione e informazione curate dall’azienda che gestisce il servizio.

    Il Comune dichiara di aver riconosciuto il servizio gratuito alle famiglie in difficoltà e di aver privilegiato la scelta di prodotti del territorio, anche per sostenere l’economia locale. L’indagine per Salerno ha riguardato 53 edifici scolastici per una popolazione di circa 10.000 ragazzi.

    Tutti gli edifici si trovano in zona sismica 2 ma solo due hanno certificato di verifica vulnerabilità sismica, nessuno è in possesso di certificato collaudo statico, 12 quelli in possesso certificato prevenzione incendi .

    Sono 27 gli edifici che hanno goduto di interventi urgenti di manutenzione straordinaria negli ultimi cinque anni .Sono sei gli edifici scolastici che utilizzano fonti rinnovabili. In tutte le 53 scuole si pratica la raccolta differenziata. Sono 23 gli impianti sportivi agibili presenti negli edifici scolastici .

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita