Aggiornato -

15 Agosto 2022 - 12:52

Aggiornato -

lunedì 15 Agosto 2022 - 12:52
HomeCronacaCronaca di NapoliStesa a Ponticelli, i baby camorristi individuati grazie alle immagini social

Stesa a Ponticelli, i baby camorristi individuati grazie alle immagini social

Napoli. Stesa a Ponticelli: i baby camorristi incastrati dalle immagini social e dalla videosorveglianza. Le immagini dei social sono un atto di autoaccusa per i quattro giovani accusati di aver messo a segno la ‘stesa’ […]
google news
carabinieri a ponticelli
Stesa a Ponticelli: baby camorristi incastrati dai social

Napoli. Stesa a Ponticelli: i baby camorristi incastrati dalle immagini social e dalla videosorveglianza.

Le immagini dei social sono un atto di autoaccusa per i quattro giovani accusati di aver messo a segno la ‘stesa’ dello scorso 2 luglio nel quartiere Ponticelli di Napoli. Infatti per incastrare i quattro indagati che oggi sono stati sottoposti a fermo con l’accusa di essere gli autori di un raid a colpi di pistola sparati all’impazzata e ad altezza d’uomo, lagli investigatori sono bastate le immagini dei sistemi di video sorveglianza e quelle che i fermati (tre, in tutto, manca all’appello un minorenne) hanno pubblicato sui social.

E’ il caso, per esempio di Giuseppe Damiano: i fotogrammi dei video acquisiti dai carabinieri ritraggono in sella a una delle moto un uomo che sugli avambracci gli stessi tatuaggi ritratti su diverse foto pubblicato da Damiano su Tik Tok. Emmanuel De Luca Bossa, secondogenito del boss Antonio De Luca Bossa, è il cugino di Carmine D’Onofrio, il 23enne ucciso la notte del 6 ottobre 2021 davanti alla compagna 20enne incinta. Per quell’omicidio la Squadra Mobile di Napoli ha fermato ad aprile, sei persone ritenute legale proprio al clan De Micco, tra cui Marco De Micco.

Gli attriti tra le due famiglie si sono acuiti lo scorso maggio, quando sono tornati in libertà proprio Vincenzo Barbato, Giuseppe Damiano ed Emmanuel De Luca Bossa presi oggi dai carabinieri. I rilievi dei carabinieri della settima sezione investigativi scientifiche del Nucleo Investigativo hanno consentito di accertare che “la stesa” è stata messa a segno lo scorso 2 luglio, poco prima delle 19, da quattro persone, armate di almeno tre pistole, che viaggiavano in sella a due potenti moto (una Triumph e una Suzuki) e che hanno sparato ad altezza d’uomo.

Redazione
Redazionehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Brusciano, arrestati 2 pusher: erano in strada a spacciare

Brusciano, arrestati 2 pusher: erano in via Borsellino a spacciare. I carabinieri della sezione operativa di Castello di Cisterna hanno arrestato per detenzione di droga...

Alcolici a minorenni, locale di Fuorigrotta chiuso per 5 giorni

Fuorigrotta, locale chiuso per 5 giorni per aver venduto alcolici a minorenni. Il Questore di Napoli, su proposta del Polizia Municipale - Dipartimento Sicurezza -...

Napoli, disoccupati davanti alla sede Rai simulando un lido balneare

A Ferragosto centinaia di disoccupati e disoccupate sono in piazza, vicino lo Stadio Maradona di Napoli verso la sede della Rai di Via Marconi,...

Napoli, inchiesta sulla morte post parto di Vincenza Donzelli

Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire le cause dea morte di Vincenza Donzelli, 43 anni fondatrice della Galleria Borbonica. I familiari hanno presentato una denuncia...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita