Napoli, prima svolta per Bagnoli: a luglio fine bonifica ex area eternit

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, prima svolta per Bagnoli: a luglio fine bonifica ex area eternit. Lo ha annunciato il sindaco Manfredi.

Prima svolta per Bagnoli a pochi mesi dall’insediamento della struttura commissariale. Per luglio sarà finita la bonifica dell’amianto nell’ex area Eternit, verrà affidato il progetto di Porta del Parco, sarà finalmente aperta un’area del sito a disposizione del quartiere e dell’intera città (Pontile, pinetina e parcheggio affidato ad Anm) ed infine si sta lavorando al prolungamento della Linea 6 della Metropolitana.

Lo ha annunciato il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi in qualità di Commissario Straordinario di Bagnoli al termine della Cabina di regia presieduta dal ministro per il Sud Mara Carfagna. L’obiettivo è affrettare i tempi per fare in modo che Bagnoli non sia più una realtà ferma, ma vissuta dai cittadini.

    Ecco perché è stato deciso l’uso temporaneo di alcuni spazi molto importanti, come il pontile ed anche gli spazi del parcheggio. Quanto a bonifica a mare e rimozione della colmata, si sta accelerando sulle progettazioni preliminari, un lavoro che si sta facendo con Ispra e ministero dell’Ambiente.

    “A valle di questo lavoro saremo in grado di prendere decisioni ma anche dare risposte su quanto costa questa operazione e su quali sono i posti dove si può mandare in discarica il materiale. Costi e progetti di bonifica sono legati alla sistemazione del materiale rimosso e sono cose che stanno procedendo con una certa velocità” spiega Manfredi. Punto centrale della Cabina di regia, anche la chiusura dei contenziosi con i soggetti pubblici”.

    “Vale a dire – dice Manfredi – diverse centinaia di milioni, un grande lavoro che rappresenta una certezza sul futuro ma significa anche mettere in sicurezza i conti del Comune che non può sopportare oneri importanti”. Da non sottovalutare la creazione di una “comunità energetica” che renderà Bagnoli autonoma dal punto di vista energetico.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Maxi-risarcimento da 190mila euro ad un lavoratore esposto all’amianto

    L’avvocato Domenico Carotenuto: «La Giustizia italiana si è dimostrata attenta e imparziale nella gestione di questa vicenda»

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Rapinano una commerciante a Telese Terme: denunciati 3 giovani

    Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita e della Stazione di Telese Terme (BN), a conclusione di attività d’indagine, denunciavano alla Procura della Repubblica...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE