Aggiornato -

15 Agosto 2022 - 11:52

Aggiornato -

lunedì 15 Agosto 2022 - 11:52
HomeCronacaCronaca di NapoliNapoli, processo per la morte del piccolo Samuele. L'avvocato: "Perché manca l'aggravante"

Napoli, processo per la morte del piccolo Samuele. L’avvocato: “Perché manca l’aggravante”

Napoli. Prima udienza oggi del processo sulla tragedia del piccolo Samuele. Procedimento che vede come unico imputato Mariano Cannio, il 38enne ritenuto responsabile di aver lasciato cadere il bimbo di tre anni, dal balcone dell’abitazione […]
google news

Napoli. Prima udienza oggi del processo sulla tragedia del piccolo Samuele. Procedimento che vede come unico imputato Mariano Cannio, il 38enne ritenuto responsabile di aver lasciato cadere il bimbo di tre anni, dal balcone dell’abitazione dei genitori, al terzo piano di una palazzina che si trova nei pressi di via Foria, il 17 settembre 2021.

Nel corso dell’udienza l’avvocato Domenico De Rosa, legale della famiglia del piccolo (che si e’ costituita parte civile), ha sottolineato con forza, e chiesto al gup Nicoletta Campanaro, di verbalizzare la mancanza, nell’imputazione, dell’aggravante dei motivi abietti e futili, non contestata dalla Procura di Napoli, oggi in aula rappresentata dal sostituto procuratore Barbara Aprea.

Per il legale, infatti, questo processo non si sarebbe dovuto svolgere con il rito abbreviato ma ordinario, e davanti alla Corte di Assise, vista la gravita’ dei fatti accaduti quel giorno. Mariano Cannio, in base a una perizia disposta dal giudice e redatta da un consulente di Salerno, e’ stato ritenuto imputabile e capace di intendere e volere al momento del gesto costato la vita a un bambino di soli tre anni.

Cannio, rispondendo alle domande degli investigatori della Squadra Mobile di Napoli, disse che dopo il fatto si reco’ a mangiare in una pizzeria del quartiere Sanita’ per poi andare dormire. L’uomo e’ accusato di omicidio aggravato in quanto commesso in maniera tale da “ostacolare la privata difesa” (la mamma del piccolo era in casa quando e’ avvenuta la tragedia, ma non ebbe la possibilita’ di intervenire perche’ si trovava in bagno per un malore) e in relazione al fatto che la vittima e’ un minore di 18 anni.

L’imputato, difeso dall’avvocato Maria Assunta Zotti, non era presente in aula, come anche i genitori di Samuele. Il prossimo 6 luglio e’ stata fissata la requisitoria del pm; la sentenza e’ prevista per il 27 settembre, dopo la discussione delle parti civili.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Alcolici a minorenni, locale di Fuorigrotta chiuso per 5 giorni

Fuorigrotta, locale chiuso per 5 giorni per aver venduto alcolici a minorenni. Il Questore di Napoli, su proposta del Polizia Municipale - Dipartimento Sicurezza -...

Napoli, disoccupati davanti alla sede Rai simulando un lido balneare

A Ferragosto centinaia di disoccupati e disoccupate sono in piazza, vicino lo Stadio Maradona di Napoli verso la sede della Rai di Via Marconi,...

Napoli, inchiesta sulla morte post parto di Vincenza Donzelli

Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire le cause dea morte di Vincenza Donzelli, 43 anni fondatrice della Galleria Borbonica. I familiari hanno presentato una denuncia...

Golfo di Policastro, muore a 18 anni giovane promessa del calcio

E' morto a soli 18 anni Lorenzo Pio Coronato, giovane calciatore di Ispani, in provincia di Salerno, coinvolto in un grave incidente stradale nella...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita