Pozzuoli, denuncia gli estorsori e si ritrova un proiettile fuori al suo bar

“Abbandonato anche dagli amici. Ho denunciato eppure a #Pozzuoli sono ancora tutti liberi.”. #Borrelli e #Simioli: “L‘omertà rientra nella mentalità camorristica

pozzuoli proiettile bar

Pozzuoli. Ha denunciato i tentativi di racket e si è ritrovato un bossolo come avvertimento davanti al suo bar a Pozzuoli.

È la storia di R.S., una delle tante storie di chi si ritrova a combattere la camorra e viene abbandonato da tutti, Istituzioni incluse.

“Vorrei portare a conoscenza dell’opinione pubblica di tutto ciò che sto passando da due anni a questa parte.

Ho aperto un piccolo bar nel quartiere dove sono nato (a Pozzuoli) e lì che sono arrivati i ’guappi di cartone’. Già feci per e a quasi un anno e mezzo di distanza giovedì ho trovato un bossolo di proiettile fuori al bar” – racconta R.S. che si è rivolto al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio e a La Radiazza- “E’ bruttissimo che per aver denunciato la montagna di m***a dei camorristi, gli amici di sempre non mi guardano più in faccia come se fossi io il male.

Ai carabinieri ho portato i video in qui vengo minacciato, ci anche noti pluripregiudicati che vanno vicino ai miei clienti e gli dicono di non venire più nel mio bar, ma sono ancora tutti fuori.”

“Proviamo davvero vergogna per chi abbandona chi ha avuto il coraggio di denunciare il racket ed i camorristi. L’omertà e la vigliaccheria sono tipiche di quella mentalità sub-criminale che da tempo ha messo radici nella nostra terra e se non si la si sradicherà sarà molto complicato, allora, mettere fine al fenomeno camorristico vero e proprio.

LEGGI ANCHE  Mattinata da incubo per i voli cancellati Milano Napoli e ritorno

Al contempo, le Istituzioni e le forze dell’ordine devono tutelare, con fatti concreti, chi si oppone alle estorsioni, chi dice no ai clan, per garantire la loro incolumità e fare in modo che il popolo che rinnega il fango della camorra diventi sempre più numeroso”. È il commento di e del conduttore radiofonico Gianni che hanno espresso piena solidarietà al commerciante.

22 Aprile 2022 @ 14:41 / Cronache della Campania

1 commento

I commenti sono chiusi.