Al Cardarelli braccia robot per combattere i tumori al pancreas

Una tecnica chirurgica chiamata "duodenocefalopancreasectomia", che puo' essere abbreviata con l'acronimo (DCP), e che indica l'uso di braccia robotiche e schermi di altissima risoluzione per rimuovere i tumori del pancreas.

google news
napoli anaao assomed
Foto archivio

Una tecnica chirurgica chiamata “duodenocefalopancreasectomia”, che puo’ essere abbreviata con l’acronimo (DCP), e che indica l’uso di braccia robotiche e schermi di altissima risoluzione per rimuovere i tumori del pancreas.

La tecnica e’ protagonista all’ospedale Cardarelli di Napoli di interventi innovativi realizzati per le prime volte in Campania e in pochissimi altri Centri in Italia e portati a termine dal professor Carlo Molino, direttore della I Chirurgia Generale ad indirizzo Oncologico e direttore dell’Unita’ Operativa di Chirurgia del Pancreas del Cardarelli di Napoli. Al centro l’impiego della chirurgia robotica per l’asportazione in un unico blocco della testa del pancreas, del duodeno, della via biliare e della colecisti.

La tecnica e’ complessa ma, vista la difficolta’ dell’intervento, apre la possibilita’ per i pazienti di essere dimessi in tempi estremamente brevi, cosi’ come decisamente breve e’ la ripresa post-operatoria, con un minor dolore post-operatorio. Un approccio, comunica il Cardarelli, che favorisce il decorso che segue l’intervento, la rapida ripresa e anche le successive chemioterapie, se necessarie.

“Nel nostro centro l’intervento tradizionale, cioe’ ad addome aperto, viene effettuato da sempre, tuttavia intervenire con la robotica – spiega il professor Carlo Molino – ci consente di offrire ai pazienti un trattamento all’avanguardia, possibile solo in pochissimi Centri nazionali ed internazionali. Questa tecnica permette l’accesso in addome e agli organi da asportare attraverso cinque piccolissimi incisioni che rappresentano il punto di entrata di cannule e strumenti robotici, quindi senza grandi cicatrici.

LEGGI ANCHE  Covid, a Napoli in 48 ore raddoppiati gli studenti in quarantena

Grazie ad un sistema computerizzato possiamo avere un’amplificazione delle immagini ed una manovrabilita’ della strumentazione chirurgica altrimenti impensabile con una gestione della intelligenza artificiale, sempre sotto il controllo manuale ed intellettivo del chirurgo”. I primi due pazienti del Cardarelli operati con questa tecnica sono gia’ stati dimessi: “Questa chirurgia – prosegue infatti il professor Molino – puo’ essere impiegata per le patologie neoplastiche del pancreas ma anche nel trattamento di lesioni pre-neoplastiche a prevenire lo sviluppo certo di una neoplasia pancreatica”.

Molino ha un team importante visto che interventi inevitabilmente piu’ lunghi, rispetto alle tecniche tradizionali, richiedono un’enorme sforzo organizzativo e la partecipazione di una equipe composta da piu’ elementi onde consentire una risultato perfetto.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Trentola Ducenta, lite in Municipio, dirigente e dipendente comunale si prendono a schiaffi

Presso il Tribunale di Napoli Nord aperto un fascicolo per lesioni personali per i due lavoratori del comune di Trentola Ducenta

Maltempo a Napoli, si fa la conta dei danni. Il video

A causa del maltempo a Napoli ci sono stati allagamenti a Chiaia, al rione sanità, al Vomero, e anche in alcuni seggi lettorali è stato necessario l'intervento della Protezione civile

Napoli, il degrado di piazza Municipio: la video denuncia dei cittadini

Situazione inaccettabile, inciviltà e incuria senza precedenti in piazza Municipio a Napoli, che dovrebbe essere uno dei salotti della città

Napoli, monnezza vista Vesuvio dalla terrazza panoramica di via Petrarca a Posillipo

Napoli. Altro che golfo, mare e Vesuvio. Sulla terrazza panoramica di via Petrarca a Posillipo, da anni ormai in balia del degrado e dello...

IN PRIMO PIANO

Pubblicita