Terzigno, arrestato il pony express della droga

SULLO STESSO ARGOMENTO

Martedì mattina gli agenti del Commissariato di San Giuseppe Vesuviano hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dal G.I.P. del Tribunale di Nola su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di A.L., 46enne di Terzigno con precedenti di polizia, poiché ritenuto gravemente indiziato di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le indagini, coordinate dalla locale Procura della Repubblica ed eseguite da personale del Commissariato tra aprile e maggio 2021, sono state corroborate da numerose intercettazioni telefoniche, pedinamenti e sequestri di droga che hanno permesso di accertare l’esistenza di una piazza di spaccio che sarebbe gestita dall’indagato che avrebbe rifornito un rilevante numero di acquirenti di San Giuseppe Vesuviano e dei paesi limitrofi.

L’uomo è stato rintracciato a Terzigno presso la sua abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Vandali lanciano sasso contro autobus a Bacoli, nessun ferito

Un recente episodio di vandalismo ha colpito nuovamente i mezzi di trasporto pubblico nella serata di ieri, nel Comune di Bacoli, situato nella provincia...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE