Operazione ‘Petrolio Fantasma’, ancora sequestri in un deposito a Caserta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Operazione “Petrolio Fantasma”, ancora sequestri: sigilli a 28mila litri di gasolio in un deposito a Caserta

Nel contesto dell’operazione chiamata in codice “Petrolio Fantasma” (QUI), scattata giovedì scorso in diverse province italiane, al termine delle ventidue perquisizioni eseguite dalla Guardia di Finanza tra Savona, Roma, Chieti, Napoli, Caserta e Reggio Calabria, sono stati sottoposti a sequestro, presso un deposito in provincia di Caserta, 28 mila litri di gasolio che non avevamo la documentazione di detenzione e trasporto – dunque senza alcuna attestazione sulla sua provenienza legittima – che ne giustificasse il possesso o la circolazione.
All’interno dell’area i finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Asti, in collaborazione con i colleghi del Comando locale del Corpo, hanno “pizzicato” due persone che stavano travasando gasolio per autotrazione da un’autocisterna all’interno di numerosi recipienti in plastica, delle taniche da 1000 litri, che erano su un autoarticolato.
In un magazzino presente sul piazzale, poi, dentro un container, vi era una cisterna blu di circa 5 mila litri, vuota, perfettamente funzionante con contalitri e che si presume venisse usata come distributore abusivo di carburanti.
I due sono stati così denunciati a piede libero per sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sugli oli minerali.
In altri due interventi in provincia di Napoli, nelle abitazioni di alcuni indagati, sono stati ritrovati e sequestrati 40 mila euro in contanti, un orologio Rolex e dei monili.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Voragine al Vomero: gli edifici evacuati sono due

 Forze dell'ordine presidiano la zona per evitare l'arrivo di sciacalli nelle case

Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

Sparatoria Milano: ai domiciliari il trapper Shiva

Decisione del gip, indagato anche per rissa a San Benedetto

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE