Bimbo ucciso a botte, una perizia per stabilire l’ora della morte di Giuseppe

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Bimbo ucciso di botte: nuova perizia per stabilire le cause della morte del piccolo Giuseppe Dorice, il bimbo di 7 anni ucciso a Cardito nel 2019.

Lo hanno stabilito i giudici della Corte d’Assise d’Appello di Napoli (presidente Barbarano) nell’ambito del processo a Tony Essobti Badre, il compagno della madre del bambino.

I giudici hanno nominato un medico legale e un dottore specializzato in neuropsichiatria infantile per stabilire la causa e l’ora del decesso del piccolo. La decisione è arrivata oggi nel corso dell’udienza che si è svolta oggi nell’aula 320 del Nuovo di Palazzo di Giustizia. Nonostante la testimonianza resa lo scorso 29 ottobre dal medico che eseguì l’esame autoptico sulla salma della vittuma, infatti, l’avvocato Pietro Rossi, legale di Tony Essobti Badre (condannato dalla Corte di Assise all’ergastolo e imputato anche in secondo grado per l’omicidio di Giuseppe) ha chiesto e ottenuto che venissero effettuati degli approfondimenti, anche per meglio definire eventuali comportamenti omissivi da parte della madre del bimbo, Valentina Casa, condannata in primo grado a 6 anni di reclusione. La prossima udienza è stata fissata per le 11,30 del 26 novembre.




LEGGI ANCHE

125 reperti sequestrati da una collezione privata restituiti al parco di Pompei

Nel corso di un'operazione condotta dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, è stata restituita al Parco Archeologico di Pompei una collezione di 125 reperti archeologici di notevole pregio, tra cui vasellame decorato, statuette fittili, utensili e oggetti ornamentali risalenti a varie epoche. La restituzione è avvenuta in seguito a un'indagine collaborativa che ha coinvolto diverse autorità competenti. La collezione, considerata di eccezionale interesse culturale, è stata valutata dall'autorità giudiziaria come di proprietà dello...

Vertenza Softlab: presidio dei lavoratori davanti alla Prefettura di Caserta

I dipendenti casertani dell'azienda Softlab hanno avviato un presidio davanti alla Prefettura di Caserta insieme ai rappresentanti sindacali dei metalmeccanici Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm e Failms. Questa iniziativa segue il presidio tenutosi la settimana scorsa a Napoli davanti alla Regione Campania. Gli addetti, ex dipendenti della multinazionale americana Jabil ora impiegati in Softlab, chiedono chiarezza sul loro futuro lavorativo e il pagamento di arretrati come salari e contributi di cassa integrazione. La situazione si protrae da anni...

Lite tra ragazzi a Calvizzano: accoltellato 17enne

Un giovane di 17 anni ferito durante una lite a Calvizzano, provincia di Napoli. Gli agenti del Commissariato di Giugliano sono intervenuti nella serata di ieri all'ospedale san Giuliano dopo la segnalazione dei medici del pronto soccorso per un giovane ferito da arma da taglio. Il ragazzo non è in pericolo di vita e si sospetta che la lite sia stata causata da motivi futili. Altri due giovani sono stati feriti ma sono stati dimessi con...

Giallo sulla spiaggia di Capaccio: resti di un piede umano trovati da un turista

Giallo a Capaccio Paestum, dove ieri mattina sulla spiaggia di Licinella, è stato fatto il macabro ritrovamento di resti ossei in riva al mare. Un...

Forte scossa di terremoto ai Campi Flegrei: avvertita dalla popolazione

Una forte scossa di terremoto si è registrata alle 10 di oggi, domenica 3 marzo nella zona dei Campi Flegrei. La scossa è stata...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE