Rinvio tecnico per l’esame del ricorso contro i licenziamenti alla Whirlpool di Napoli. Il magistrato, infatti, ha chiesto la traduzione di un documento fornito dall’azienda in inglese.

Una nuova udienza è stata fissata per mercoledi prossimo alle ore 12. Nuovo rinvio, questa volta tecnico, a mercoledi’ prossimo, 27 ottobre, per il ricorso presentato da Fim, Fiom e contro i licenziamenti dei 320 dipendenti della Whirlpool di Napoli.

ADS

La decisione a margine dell’udienza di oggi pomeriggio al Tribunale di dove sindacati e lavoratori sono stati ascoltati dal magistrato competente. “Escludiamo che l’azienda dia corso all’invio delle lettere di licenziamento con un processo in corso”, dichiara Rosario Rappa, segretario generale Fiom Cgil al termine dell’udienza di oggi al Tribunale di sul ricorso presentato da Fim, Fiom e contro i licenziamenti dei 320 dipendenti della Whirlpool di Napoli.

“Una decisione – ha ricordato Rappache viola gli accordi sottoscritti, con un comportamento antisindacale. Il magistrato ha studiato le carte e la richiesta di approfondimento per verificare se era prevedibile il cambio di mercato, sulla base di una documentazione in inglese, ne è l’esempio. Ora dovrà essere tradotta e dovrà essere ascoltato un testimone che dovrà spiegarne le motivazioni. Noi siamo per il rispetto della magistratura e chiederemo di portare, alla prossima udienza, uno o più infomatori per sostenere che è stato sottoscritto un accordo falso, in cui – ha concluso Rappa – si è mentito sapendo di mentire”.

il segretario generale aggiunto della Uilm Campania, Antonio Accurso:

“Un rinvio tecnico per acquisire documentazione in lingua italiana: questo è l’ennesimo atto da parte dell’azienda teso a non dare spiegazioni chiare e comprensibili, adducendo sempre motivazioni diverse e non rispondendo alle proposte sia dei tavoli istituzionali che di qualsiasi sede di confronto per trovare una soluzione bonaria della vertenza Whirlpool”.

“L’unica cosa che vuole la Whirlpool – ha concluso Accurso – è chiudere lo stabilimento per licenziare i lavoratori, non e’ intenzionata diversamente. Da quello che dichiara non ha nessuna ipotesi reale di accompagnamento su soluzioni che mettano in sicurezza i lavoratori di Napoli”.



Fabio Testa, 28 anni, laureato in sociologia. Appassionato della cultura napoletana e dei fenomeni della tradizione popolare. Gli piace il cinema d'autore. E' grande tifoso del Napoli

    ‘Chicks and wine’, il nuovo singolo di Cek Franceschetti

    Notizia precedente

    A Napoli, la mostra ‘Purgatorio’ di Emanuele Scuotto

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..