Napoli, il figlio del tabaccaio ladro: “Vogliamo restituire il biglietto alla signora”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Il figlio del tabaccaio ladro del Gratta e Vinci da 500mila euro nel rione Materdei ha fatto sapere che non vede l’ora di restituire il biglietto alla malcapitata anziana a cui è stato sottratto dall’uomo, G. S. di 57 anni, fermato ieri sera all’aeroporto di Fiumicino a Roma mentre cercava di imbarcarsi per Fuertaventura alle Canarie.

Il giovane lo ha spiegato ai microfoni della Rai evidentemente stanco del clamore mediatico della vicenda e dalle critiche ricevute dalla sua famiglie nello stesso quartiere da parenti e amici. L’uomo è stato rintracciato grazie a una costante collaborazione tra i carabinieri e l’Agenzie delle Dogane.

tabaccaio

    Ha commesso alcune leggerezze, oltre a quella colossale di aver rubato il biglietto: ovvero ha usato il suo cellulare per ben tre volte per collegarsi con il sistema centrale dell’Agenzie delle Dogane per validare il biglietto. Poi per i sistemi di rintraccio delle forze dell’ordine è stato facilissimo rintracciarlo e individuarlo a Fiumicino.

    Al momento la licenza della tabaccheria è stata sospesa. Quanto alla titolare, la signora dovrà dimostrare la sua completa estraneità visto che è stato il marito ad aver compiuto il furto e, se in giudizio verrà dimostrato che lei non c’entra nulla, potrebbe riavere la licenza.

    La pensionata 69enne si rivolgera’ con ogni probabilita’ ad un avvocato che ne tuteli gli interessi, in quella che, spenti i riflettori della cronaca, diventera’ probabilmente un’intricata vicenda legale per stabilire se e come vada pagata la vincita. Intanto nel rione Materdei di Napoli, dove si trova la tabaccheria, da tre giorni non si parla d’altro. La notizia del tentativo di partenza per le Canarie rafforza la tesi dei colpevolisti e indebolisce il fronte di chi contava su un rapido ritorno del fuggitivo, con tanto di pentimento e restituzione del bottino. Alcuni pero’ insistono nel dire che si e’ trattato di un equivoco, destinato a chiarirsi.

    [the_ad_group id=”289023″]

    [the_ad_group id=”289025″]

    Oggi il negozio era sprangato per la chiusura domenicale. Fino a ieri sera la stessa tabaccheria e’ stata oggetto di un interminabile afflusso: curiosi, ma soprattutto giocatori del lotto che, avendo trasformato il caso in numeri, ritenevano che il terno (46, 72 e 89: il denaro, lo stupore e l’anziana) avesse piu’ probabilita’ di vincita se giocato proprio li’.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, bloccato all’aeroporto di Fiumicino il tabaccaio in fuga

     I numeri piu’ gettonati, per tentare la fortuna con un ambo secco, sono 46 e 72, che nella smorfia indicano appunto il denaro e lo stupore. Ma c’e’ chi aggiunge un terzo numero, come l’89 (quello che indica la persona anziana) per centrare un terno secco; insomma la vincita che ti puo’ far svoltare. Intanto, con il passare delle ore si delineano meglio i contorni della vicenda.






    LEGGI ANCHE

    Ischia: proseguono ricerche 51enne scomparsa a Casamicciola

    Proseguono a Ischia le ricerche di Antonella Di Massa, 51enne di Casamicciola Terme scomparsa lo scorso sabato 17 febbraio. Oggi pomeriggio, convocata dal prefetto...

    La Sovrintendenza dice stop alla pubblicità dei profilattici in piazza Plebiscito a Napoli

    La Sovrintendenza ha bloccato la pubblicità dei profilattici situata dietro la basilica di San Francesco di Paola a Napoli, in piazza Plebiscito. Rosalia D'Apice,...

    20 vittime della strada nell’ultimo fine settimana in Italia

    Il fine settimana che va dal 16 al 18 febbraio ha registrato 20 vittime sulle strade italiane a causa di incidenti, un numero identico...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE