Restituite 100 fedi di credito

Alla Fondazione Banco di Napoli sono state restituite 100 fedi di credito recuperate dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale

Restituite dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale 100 fedi di credito alla Fondazione Banco di Napoli

Importantissimi documenti storico-bancari saranno restituiti nella sede della Fondazione Banco di Napoli, il 15 luglio 2021 alle ore 12:00, dal Comandante del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli, Magg. Giampaolo Brasili, alla dott.ssa Rossella Paliotto, Presidente della Fondazione, alla presenza della dott.ssa Maria Cristina Ribera, Sostituto Procuratore della Repubblica di Napoli, del Soprintendente Archivistico per la Campania, dott. Gabriele Capone, e del Segretario Generale, dell’intero Consiglio di Amministrazione e del Consiglio Generale della Fondazione.

Nel monitorare la vendita online di beni bibliografici sulle più note piattaforme di e-commerce, i militari del Nucleo TPC di Napoli, su segnalazione della Fondazione Banco di Napoli, hanno individuato una cospicua documentazione bancaria che risultava mancante dall’archivio di quell’ente. L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, ha permesso di recuperare oltre 100 fedi di credito comprovanti operazioni bancarie risalenti agli anni tra il 1600 e il 1800, sequestrate a numerosi collezionisti residenti in tutta Italia.

Fedi di credito

Fedi di credito

Per l’individuazione dei documenti è stata determinante la sinergia con i funzionari archivistici della Fondazione citata che ha permesso il riconoscimento delle importanti testimonianze storiche come parte dell’importantissimo archivio dello storico Ente bancario, nonostante le fedi di credito non fossero mai state inserite nella “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti” del Comando TPC.

LEGGI ANCHE  Revocato sciopero netturbini nei comuni di Afragola, Gragnano, Ercolano, Nola e San Giorgio

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Comandante dei carabinieri Forestali visita i reparti della Campania

Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare altri documenti della stessa tipologia.


Di Fabio Testa

Ti potrebbe interessare..