Seguici sui Social

Salerno e Provincia

Muore alla festa di nozze: choc a Capaccio

Tragedia a Capaccio Paestum in provincia di Salerno: muore alla festa di nozze. La vittima è un giovane di 22 anni.


PUBBLICITA

Pubblicato

il

muore alla festa di nozze

Muore alla festa di nozze: choc a Capaccio

Tragedia a Capaccio Paestum in provincia di Salerno: muore alla festa di nozze. la vittima è un giovane di 22 anni. Colto da un malore, il ragazzo di 22 anni e’ morto durante una festa di matrimonio. E’ accaduto, dopo la mezzanotte, in un ristorante di Capaccio Paestum.

Muore alla festa di nozze

Il ragazzo, studente universitario originario di un comune irpino, stava partecipando al banchetto nuziale di alcuni parenti, quando all’improvviso si e’ accasciato al suolo. Per lui non c’e’ stato nulla da fare, nonostante siano giunte in soccorso tre ambulanze con a bordo i sanitari del 118.

LEGGI ANCHE  'Suggestions', il nuovo lavoro di Davide Mocini tra post rock e indie folk

muore alla festa di notte

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHETangenti alla Sma: a processo “Camorra spa” dipendenti corrotti e l’ex consigliere

Sul posto, presenti anche i carabinieri della locale Stazione. Dagli accertamenti eseguiti, e’ emerso che si e’ trattato di morte naturale e, percio’, il pm di turno della procura di Salerno ha rilasciato poco dopo la salma.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Salerno, imprenditrice cambia falsi assegni: va agli arresti domiciliari

Un’imprenditrice campana di 50 anni, che opera nel commercio di auto nel Vallo di Diano in provincia di #Salerno, e’ stata posta agli arresti domiciliari dalla Guardia di Finanza con le accuse di truffa e tentata truffa ai danni di un ente pubblico e autoriciclaggio.

Pubblicato

il

salerno

Salerno. Un’imprenditrice campana di 50 anni, che opera nel commercio di auto nel Vallo di Diano, e’ stata posta agli arresti domiciliari dalla Guardia di Finanza con le accuse di truffa e tentata truffa ai danni di un ente pubblico e autoriciclaggio.

I militari delle fiamme gialle hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Potenza, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo lucano. Fra il 2019 e il 2020 la donna aveva posto all’incasso in una banca di Brienza (Potenza) cinque assegni intestati al Comune di Gaeta (Latina), per un valore complessivo di 240 mila euro.

LEGGI ANCHE  'Suggestions', il nuovo lavoro di Davide Mocini tra post rock e indie folk

Il primo degli assegni – per 50 mila euro – era stato “abilmente falsificato” ma aveva superato “un primo vaglio dell’istituto di credito”, che aveva accreditato la somma. La Guardia di Finanza, poi, aveva accertato che i soldi venivano utilizzati dalla donna nella sua attivita’ imprenditoriale.

Sia la banca sia il Comune di Gaeta, dopo aver accertato di aver subito la truffa, hanno agito per impedirne la continuazione non accreditando gli altri quattro assegni. Oltre agli arresti domiciliari per la donna, rintracciata a Castel Volturno (Caserta), la Guardia di Finanza sta eseguendo operazioni di “sequestro preventivo diretto e per equivalente delle somme illecitamente sottratte”.

Continua a leggere
longobardi logo