Napoletano ucciso a Reggio Emilia, fermato il presunto assassino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Fermato il presunto assassino di Aniello Iazzetta, ucciso a Reggio Emilia il 12 giugno scorso: lo slovacco Milano Racz, 34 anni, è stato bloccato a La Spezia, ieri sera mentre tentava di imbarcarsi con la compagna.

Secondo la Procura avrebbe ucciso Aniello Iazzetta, originario di Afragola in provincia di Napoli ma residente a Reggio Emilia, a mani nude, sbattendogli ripetutamente la testa contro il muro. Dopo l’omicidio l’uomo e la compagna (presente al delitto), sono scappati, ieri sera i due sono stati rintracciati a La Spezia dai carabinieri reggiani, mentre stavano per imbarcarsi. L’uomo è stato sottoposto a fermo, su disposizione del pm Valentina Salvi, mentre la compagna e’ indagata per favoreggiamento.

L’omicidio risale a sabato 12 giugno, mentre il corpo di Iazzetta e’ stato ritrovato mercoledì nella sua casa di via Stalingrado a Reggio Emilia.

Aniello Iazzetta era stato trovato morto riverso sul letto da un vicino di casa che, preoccupato perche’ da qualche giorno non lo vedeva, era entrato nella sua abitazione. I carabinieri avevano subito ipotizzato una morte violenta: sul corpo della vittima infatti sono stati riscontrati diversi traumi al volto e anche fratture alla scatola cranica. Poi il sangue sulle pareti di casa ha fatto pensare ad una violenta colluttazione.



    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ucciso a Reggio Emilia un 51enne di Afragola

    Secondo la ricostruzione dei carabinieri i fatti risalgono alla serata del 12 giugno: Iazzetta era in casa con un amico e con una donna ucraina, la fidanzata del presunto assassino. Il clima sembra essere sereno sino a quando la donna non ha ricevuto una telefonata da Milan Racz, è quanto emerge dalle indagini dei militari, il quale è andato su tutte le furie e ha minacciato di raggiungere l’abitazione per picchiare Iazzetta ed il suo amico.

    Il 34enne poi arrestato per l’omicidio, secondo quanto emerso dalle indagini, avrebbe colpito prima con una testata l’amico della vittima e in seguito se la sarebbe presa con il 51enne colpito a mani nude con inaudita violenza – questo il quadro accusatorio – sbattendogli la testa contro il muro vicino alla porta del bagno. Dopo, insieme alla compagna si sarebbe allontanato dalla casa della vittima. I due, ieri, sono stati rintracciati a La Spezia, nei pressi del terminal crociere, in procinto di imbarcarsi. Dentro lo zaino della donna e’ stato trovato un asciugamano sporco di sangue: secondo gli investigatori era stato utilizzato per eliminare le tracce nella casa della vittima. Un altro elemento indiziario, spiegano gli investigatori, e’ che le nocche delle mani del 34enne presentano segni di colluttazione. Non e’ ancora chiaro il movente anche se e’ certo che la reazione violenta dell’uomo sia stata innescata dalla telefonata fatta alla compagna mentre la donna era nell’abitazione di Iazzetta. La ragazza aveva incontrato il 51enne ed il suo amico in autobus e poi li aveva seguiti a casa.

    Tutti gli elementi raccolti dai Carabinieri di Reggio Emilia, ieri stesso, sono stati posti all’attenzione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Reggio Emilia Valentina Salvi che, ha emesso a carico di Racz un provvedimento di “fermo di indiziato di delitto”. Il 34enne si trova ora in carcere.


    Torna alla Home


    Salvini: Solo il nucleare può ridurre le bollette energetiche

    Il viceprimo ministro Salvini sostiene che l'energia nucleare costituisce l'unica strategia per diminuire le spese energetiche nel nostro paese. L'energia nucleare: un approccio sicuro e pulito? Nel corso del G7 sui trasporti, Salvini ha difeso l'adozione del nucleare come forma di energia sicura e pulita e unica alternativa per abbattere la...

    Amadeus, lo sfogo di Sabrina Ferilli: “Mi fa schifo che si sputt*** la gente”

    Sabrina Ferilli ha espresso su Instagram la sua disapprovazione riguardo alle speculazioni e ai rumor che gravitano intorno alla questione Amadeus, puntando il dito contro i professionisti coinvolti. Lo ha fatto attraverso un post su Instagram, senza peli sulla lingua. Il pubblico in attesa di notizie sul futuro di Amadeus Immagini...

    Suviana: scatola nera e perizie per capire la strage

    Bologna - Potrebbero essere i dati registrati dal sistema Scada, una sorta di "scatola nera" delle centrali idroelettriche, a fornire alcuni degli elementi chiave per chiarire le cause della tragedia di Suviana. L'esplosione di martedì ha causato la morte di sette tecnici durante lavori di collaudo. Il sistema Scada, come...

    Padre Maurizio Patriciello: “Anche io ho avuto un tumore”

    E' da brividi il racconto di Padre Maurizio Patriciello. Lui che è uno degli artefici delle tante battaglie contro Terra dei Fuochi e in difesa dei più deboli e degli ultimi spiega in un post su facebook che anche lui si è ammalato di cancro. "Alla fine del primo anno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE