Carcere per l’assassino di Chiara: confermate le accuse

SULLO STESSO ARGOMENTO

Carcere per l’assassino di Chiara. E’ stata confermata l’accusa di premeditazione dal gip del tribunale dei minori.

Resta dunque in carcere Andrea “Lucifer” 16enne di origini campane fermato per l’omicidio di Chiara Gualzetti, la coetanea uccisa a coltellate a Monteveglio, in provincia di Bologna. L’accusa contestata dalla Procura minorile ha trovato la piena conferma anche dal gip che ha convalidato il fermo e disposto per il ragazzo la custodia cautelare in carcere.

chiaragualzetti

I due sono stati immortalati insieme domenica mattina, prima che il giovane affondasse più volte il coltello contro l’amica che si era invaghita di lui. Le immagini, mostrate in esclusiva dal Tg1, sono state registrate dall’impianto di videosorveglianza della casa della vittima a Monteveglio , in provincia di Bologna. Il video è agli atti dell’inchiesta e mostra Chiara tranquilla, a dimostrazione che si fidava del ragazzo.

     TI POTREBBE INTERESSARE ANCHEChiara Gualzetti attirata in una trappola mortale: l’omicida si è assicurato che fosse morta

    Si vede lei che esce di casa, lui cammina davanti e Chiara lo segue a pochi passi di distanza. Si dirigono verso il parco dell’Abbazia, sono le ultimi immagini di Chiara viva. Alla luce anche di questi riscontri investigativi che è stato confermato il  carcere per l’assassino di Chiara Gualzetti. La sedicenne nata a Bologna ma il cui padre, Vincenzo Gualzetti, è napoletano.

    CHIARA COLPITA RIPETUTAMENTE DA UNA SERIE DI COLTELLATE

    Chiara Gualzetti e’ stata “colpita ripetutamente” dall’amico sedicenne con una serie di fendenti “portati sia di punta che di taglio” con un coltello da cucina. E’ questa la ricostruzione della Procura per i minorenni di Bologna che con il pm Simone Purgato contesta al giovane l’omicidio volontario premeditato. L’aggravante deriva dal fatto, secondo l’accusa, che l’azione e’ stata concertata nei giorni precedenti e che l’indagato ha portato con se’ un coltello. Tutto sarebbe successo, secondo l’imputazione provvisoria e in attesa dell’autopsia, intorno alle 10 di domenica 27 giugno.


    Torna alla Home


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE