foto di repertorio


Per il 60% dei 1.182 e sanitari che hanno risposto alle domande dell’Anaao, l’operato di Regione e nella gestione dell’emergenza è stato insufficiente.

Il 10% ha reputato l’operato della Regione pessimo. Il 56% afferma di non avere ricevuto istruzioni operative sui percorsi da seguire, l’89% denuncia Pronto soccorso “non adeguatamente organizzati”. E solo il 20% riferisce che nella sua azienda è stato previsto un piano di recupero per le liste d’attesa. Ma i diritti dei lavoratori sono stati sostanzialmente rispettati nell’80% dei casi.

I RISULTATI

L’Anaao Assomed Campania ha promosso un questionario anonimo tra medici e di tutte le aziende regionali al fine di comprendere l’entità del disagio lavorativo, umano e professionale che stiamo vivendo, esaminando l’arco temporale sia della prima che della seconda ondata, fino a metà Gennaio 2021. Son state somministrate 11 domande ed hanno risposto al questionario 1182 tra e sanitari in maniera eterogena tra le diverse aziende.

“È emersa un fotografia reale con non poche sorprese, e non mancando di aspetti postivi soprattutto per quanto concerne la salvaguardia dei diritti dei lavoratori che, al netto di differenze aziendali, sembrano siano stati tutto sommato rispettati da molte aziende, segno tangibile che l’azione sindacale, nonostante la pandemia è stata incisiva”, commenta Vincenzo Bencivenga, segretario regionale Anaao Campania.

Il sondaggio evidenzia anche una differenza sostanziale tra aziende autonome come le AORN rispetto alle , “queste ultime probabilmente per la complessità strutturale ed organizzativa risultano meno virtuose e più complesse da gestire anche sul piano emergenziale”.

La mancata appropriatezza dei percorsi sporco/puliti, che sono stati la causa di tanti focolai all’interno degli ospedali, è tra le principali criticità segnalate insieme alla mancanza sostanziale di un piano di recupero per le liste di attesa ed alla inefficienza nell’organizzazione dei pronto soccorso. Ci sono comunque eccezioni con virtuosismi per aziende come quella “dei Colli”, con livelli di efficienza dichiarati dagli intervistati sui diversi livelli organizzativi, e della AORN di Caserta che ha un importante riscontro positivo sulla formazione del personale.

Nel dettaglio, rispetto alla domanda inerente “le procedure aziendali messe in atto e delle relative istruzioni operative per i percorsi”, il 56% degli intervistati ha affermato che questo non è avvenuto, esistono anche in tal caso estremi come nel caso dell’Ospedale del Mare dove bene il 70% degli intervistati afferma di non aver ricevuto istruzione operative su percorsi mentre solo 11% afferma di averlo ricevuto.

Nell’ AOU di Salerno il 63% degli intervistati afferma di non aver ricevuto istruzione operative per i percorsi, anche in questo caso nell’Azienda “dei Colli” il 47% degli intervistati afferma di aver ricevuto istruzioni operative sui percorsi.

Quando è stato chiesto se “i Pronto soccorso siano stati adeguatamente organizzati” una percentuale complessiva dell’89% ha riposto di No nel quale è stato compreso anche una percentuale del 25% che ha definito l’organizzazione parziale.

È emerso tuttavia dalla nostra indagine un sostanziale rispetto basilare del diritto dei lavoratori con solo un 20% degli intervistati che ha affermato il mancato rispetto di tali diritti.

Anche per quanto concerne al sorveglianza sanitaria e l’individuazione dei soggetti fragili da salvaguardare solo il 20% degli intervistati ha affermato il mancato rispetto di tali regole.

Uno dei dati peggiori che sono emersi dal sondaggio è quello inerente alla creazione di un piano per il recupero delle liste di attesa per le attività assistenziali ordinarie, solo il 20% degli intervistati ha affermato che tale piano è stato previsto.

Anche in questo caso con un dato generale già deludente in alcuni presidi come l’ 1”, dove solo il 9% ha riposto affermativamente alla creazione di un piano per il recupero delle liste di attesa per le attività assistenziali ordinarie, mentre d’altro canto presso l’IRCCS “G. Pascale” solo il 10% afferma che il piano non è stato previsto.

Le ultime due domande di carattere complessivo sono state indirizzate alla “valutazione dell’operato delle aziende sanitarie e della regione”. L’Anaao ha fornito 5 opzioni di risposta che andavano dal pessimo fino all’ottimo, la valutazione complessiva dell’operato della Regione è stato insufficiente per il 60% degli intervistati, solo per il 3.91% è stato ottimo, con il 10% che ha reputato l’operato della Regione pessimo.

Per quanto concerne invece l’operato delle aziende ben il 60,41% degli intervistati ha reputato insufficiente l’operato, mentre è stato ottimo per il 6.48% per l’azienda. In entrambi i casi un operatore su 3 ha definito sufficiente l’operato di regione e d’azienda.

Come ultima domanda è stato chiesto di chi fossero le maggiori responsabilità per le inefficienze organizzative riscontrate, in questo caso per il 12% della popolazione campione non ci sono state inefficienze di rilievo, abbiamo riscontrato una “polarizzazione” tra i responders con una lieve prevalenza per la responsabilità regionale con il 47% rispetto alla responsabilità aziendale con il 40%.


Cronache Tv


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Risalgono i nuovi positivi e i morti per covid in Italia: oggi 17.083 e 343

Il tasso di positività è pari al 5,08% in diminuzione rispetto a ieri
Leggi tutto

Covid, rischio fascia rossa per 27 comuni del Casertano

Ci sono soprattutto piccoli comuni ma anche #Maddaloni e Santa Maria Capua Vetere
Leggi tutto

Covid, in Campania oggi altri 2046 positivi e 36 vittime

La percentuale sale al 13,40%. In salita anche i ricoveri ordinari
Leggi tutto

Poesie 4.0, il nuovo libro della poetessa campana Ida Testa

Edito dalla Aletti nella prestigiosa collana "I Diamanti"
Leggi tutto

Napoli, la Polizia Locale preleva 300 veicoli abbandonati in strada

A Napoli oltre 200 auto e 100 motocicli abbandonati in strada
Leggi tutto

Proroga delle rate relative alla rottamazione-ter e al saldo e stralcio delle cartelle

Il Mef annuncia l’emanazione del provvedimento
Leggi tutto

Covid, De Luca: ‘Stamperemo 4 milioni di card per chi è vaccinato’

In Campania già distribuite le prime 100mila
Leggi tutto

Raccolta fondi per riacquistare le arnie al giovane apicoltore di Trentola Ducenta

Michele è il 23enne imprenditore di Trentola Ducenta, nel Casertano, al quale lo scorso 28 febbraio sono state bruciate 80...
Leggi tutto

Covid, Torre del Greco: il sindaco rafforza i controlli del territorio

Quasi mille casi a Torre del Greco: boom di contagi tra i giovani
Leggi tutto

Da Napoli parte la protesta social: ‘La scuola non si chiude’

E' partita anche la campagna social sui congedi "Mamma ho perso il congedo"
Leggi tutto

Operazione “No Smoke”: da negozio di sigarette elettroniche a centrale dello spaccio

Trasforma il suo negozio in un deposito e centro di smistamento della droga, per la piazza di spaccio di Rimini....
Leggi tutto

Vaccini, domani si riprende a Napoli con over 80 per 3 giorni

Gli anziani convocati in mille ogni mattina, riceveranno le dosi Pfizer in magazzino a Napoli
Leggi tutto

Covid, medici di base muore ad Avellino dopo 2 mesi in ospedale

La vittima si chiamava #LuigiRusso, 65 anni, di San Sossio Baronia.
Leggi tutto

Napoli, Manolas pronto al rientro, Lozano ancora a parte

Nella seduta mattutina di allenamento il difensore greco è tornato ad allenarsi in gruppo, lavoro personalizzato per il Chucky.
Leggi tutto

Napoli, assunzioni Asia, la denuncia della Cgil: ‘Parenti e affini in lista’

Il sindacato spiega in una nota alcune anomalie che si stanno verificando nell'azienda di servizio della raccolta rifiuti di #Napoli
Leggi tutto

Finti finanzieri rapinarono coniugi in casa: arrestati 2 di Torre Annunziata

L'irruzione nel settembre scorso in una villa di #Aversa
Leggi tutto

Tamponi negativi per i calciatori del Torino, si attende ok allenamenti

E Gravina ora dice: 'Oggettiva impossibilità nel giocare'
Leggi tutto

Fantacalcio Sarnese targato Nino Lions: consegnati i premi

Ecco chi sono i vincitori del girone di andata
Leggi tutto

Napoli, bimbi a lezione nel bosco di Capodimonte per dire no alla Dad

A proclamare la giornata di disconnessione e' stato il gruppo No Dad 'Usciamo dagli schermi'.
Leggi tutto

Camorra, latitante del clan Mazzarella catturato in Francia

#VincenzoCiriello, detto o' zullus è stato beccato ad #Avignone
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..