Seguici sui Social

Napoli e Provincia

Vaccini Covid, Lamberti (Federlab): ‘Asl Napoli 3 dimentica dipendenti laboratori di analisi cliniche e centri privati’

PUBBLICITA

Pubblicato

il



Vaccini Covid, Lamberti (Federlab): “Asl Napoli 3 dimentica dipendenti laboratori di analisi cliniche e centri privati”.

“In tutte le Asl della Campania, il Dipartimento di prevenzione ha chiesto ai dipendenti dei laboratori di analisi cliniche privati specializzati – quelli, per capirci, in cui si stanno eseguendo test e tamponi anti Covid – e dei centri poliambulatoriali privati, se volevano sottoporsi alla vaccinazione contro il virus. Tutte le Aziende sanitarie della regione lo hanno chiesto. Tutte tranne l’Asl Napoli 3. Perché?”.

E’ la domanda che si è posta Gennaro Lamberti, presidente di Federlab Italia, associazione di categoria dei centri poliambulatoriali e dei laboratori di analisi cliniche privati accreditati con il SSN, tra le più rappresentative (con le sue oltre 2mila strutture associate) a livello nazionale. Evidentemente, sbotta Lamberti, “i vertici di quell’azienda sanitaria, a differenza di quanto accaduto nel resto della regione, non hanno ritenuto di avere a cuore quanti pure, in questi mesi difficili, si sono prodigati e ancora si stanno prodigando nei laboratori e nei centri radiologici e cardiologici privati del territorio, nella delicata opera di monitoraggio dei contagi. Parliamo di medici, biologi, infermieri, ma anche di quanti, in generale, operano, ogni giorno, all’interno di quelle stesse strutture, a stretto contatto con i pazienti e dunque con il rischio più elevato di poter contrarre l’infezione”.

LEGGI ANCHE  Napoli, mareggiata invade il lungomare. Danni anche a Torre del Greco. IL VIDEO

“Per quale motivo – si chiede ancora il presidente di Federlab – questa opportunità è stata loro negata? Non si tratta sempre, nel caso di quei lavoratori, di professionisti sanitari? Oppure dobbiamo pensare che, per assurdo, anche con il Covid si gioca a…figli e figliastri?”. “Ci auguriamo – conclude Lamberti – che si sia trattata solo di una banale dimenticanza di quella Asl alla quale si porrà rapidamente rimedio. In caso contrario ci troveremmo di fronte ad una palese quanto tremenda ingiustizia che merita di essere perseguita nelle aule di un tribunale”.


Continua a leggere
Pubblicità

Napoli e Provincia

Torre Annunziata, si dimette il Presidente del Consiglio Comunale

Nuovo terremoto politico a Torre Annunziata, citta’ dove la giunta e’ stata azzerata dal sindaco Vincenzo Ascione all’indomani dell’arresto del dirigente dell’ufficio Tecnico comunale Nunzio Ariano

Pubblicato

il

foto dal web

Torre Annunziata, si dimette il Presidente del Consiglio Comunale

Nuovo terremoto politico a Torre Annunziata, citta’ dove la giunta e’ stata azzerata dal sindaco Vincenzo Ascione all’indomani dell’arresto del dirigente dell’ufficio Tecnico comunale Nunzio Ariano, sorpreso dalla Guardia di Finanza dopo avere intascato una tangente di 10.000 euro da una ditta impegnata in lavori di ristrutturazione anti-Covid in un istituto comprensivo. Si e’ infatti dimesso il presidente del Consiglio comunale Rocco Manzo.

A comunicarlo e’ lo stesso ex capo dell’assise: ”Con immenso dispiacere – sottolinea – rassegno le dimissioni da una carica che per me ha rappresentato un progetto politico di coesione e fiducia”. Nei giorni scorsi alcuni partiti di maggioranza impegnati a trovare una soluzione alla crisi politica avevano chiesto anche la ridefinizione della carica di presidenza del consiglio. Per questo Manzo sottolinea anche che ”la carica di Presidente del Consiglio comunale si acquisisce con un atto di fiducia dei consiglieri. Se viene meno questa fiducia non resta che prenderne atto e togliere il disturbo”. Manzo mantiene invece la carica di consigliere comunale acquisita nelle elezioni del 2017.

LEGGI ANCHE  Vaccini, nella Rsa di Napoli un anziano su 10 rifiuta l'iniezione
Continua a leggere

Le Notizie più lette