Neomelodici e trapper tra i nuovi menestrelli della camorra. Veri camorristi nel videoclip di Nello Liberti

Neomelodici e trapper tra i nuovi menestrelli della camorra. Veri camorristi nel videoclip di Nello Liberti e da Caivano inno alla Scissione. Svolta nel processo contro Aniello Imperato, in arte nello Liberti, il neomelodico già condannato lo scorso luglio ad 1 anno e 4 mesi per istigazioni a delinquere per la sua canzone “’O capoclan” […]

google news

Neomelodici e trapper tra i nuovi menestrelli della camorra. Veri camorristi nel videoclip di Nello Liberti e da Caivano inno alla Scissione.

Svolta nel processo contro Aniello Imperato, in arte nello Liberti, il neomelodico già condannato lo scorso luglio ad 1 anno e 4 mesi per istigazioni a delinquere per la sua canzone “’O capoclan” , un inno al Clan Birra-Iacomino di Ercolano, commissionata dal boss Vincenzo Olivieri.

Secondi i magistrati i protagonisti del videoclip non sarebbero attori ma veri camorristi che interpretano sé stessi.

Dal mondo della musica campana arriva inoltre un ‘altro messaggio che mitizza la camorra. Il protagonista stavolta, come raccontato dalla testa Stylo 24, arriva da Caivano, si tratta del trapper Moox che con il suo brano “Scissione” inneggia appunto alla scissione e alla vita criminale.

“Da alcuni anni, a quella parte di neomelodici che cantavano le gesta dei criminali e dei boss si sono uniti anche una serie di personaggi del nuovo fenomeno musicale della trapp. Che si tratti di musicisti ingaggiati dai clan o che semplicemente mitizzano la figura del camorrista è comunque qualcosa di molto grave che sintetizza la mentalità criminale e l’apologia della camorra che soprattutto negli ultimi tempi stanno dilagando in maniera preoccupante. Canzoni, murales, altarini, cappelle, sono continui e sempre di maggiore effetto gli omaggi ai delinquenti e ai boss, per questo ora occorre invertire la rotta e per farlo bisogna lanciare messaggi decisi di legalità, cominciando a rimuovere tutte le opere abusive dedicate a rapinatori e camorristi e denunciando e condannando in maniera esemplare quegli artisti e quei musicisti che inneggiano alla vita criminale. Sulla vicenda di Liberti ci eravamo già espressi in maniera dura e decisa ed abbiamo avuto ragione. Chi fa dediche a camorristi e boss non è un musicista, non è un artista, ma solo un fiancheggiatore e deve essere condannato.”- ha dichiarato il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Sciopero aerei 1 ottobre, cosa fare per salvare il viaggio

Oltre trecentomila passeggeri italiani che subiranno un disservizio per lo sciopero aerei del primo ottobre

Crimine ambientale, nessuna regione indenne

Allarme da Napoli in attesa del Forum internazionale sull’economia dei rifiuti e sul crimine ambientale

Omicidio del prof Toscano, convalidato il fermo: il bidello resta in carcere

È stato convalidato il fermo di Giuseppe Porcelli. Il bidello fermato per l'omicidio del professore Marcello Toscano resta nel carcere di Poggioreale

A Napoli ‘Down to Earth’ del fotografo Denis Piel

Dopo Milano, arriva anche a Napoli, per la prima volta in un museo pubblico italiano, nella splendida cornice di Villa Pignatelli - Casa della...

IN PRIMO PIANO

Pubblicita