Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Napoli, troppe assenze all’Anm, de Magistris: ‘Attacco criminale’

Pubblicato

in

napoli anm


Napoli, troppe assenze all’Anm, de Magistris: ‘Attacco criminale’.

 

“Ormai non ci sono piu’ dubbi, da tempo, da giorni, da settimane e’ in atto un attacco criminale e premeditato da parte di addetti al servizio Pubblico Anm ai danni dei napoletani e della citta’ in un momento storico di grande sofferenza, di pandemia, con la Galleria Vittoria chiusa. Tutto cio’ ormai non e’ piu’ sopportabile. Se non saranno interrotte queste attivita’ criminali il servizio pubblico non potra’ piu’ essere garantito e quindi per colpa di pochi la citta’ verra’ messa in ginocchio”. E’ quanto affermano, in una nota, il Sindaco e la Giunta comunale nel commentare la notizia dell’ennesima “malattia di massa” di personale all’Anm. Oggi saranno assenti undici agenti di stazione della Metropolitana che, prosegue la nota del Comune, “comportera’ la limitazione del servizio a Dante e tre capiservizio delle Funicolari che comportera’ la chiusura del servizio della funicolare di Chiaia che dovra’ chiudere oggi pomeriggio e domani”.

 

“Il sindaco di Napoli si è scagliato duramente contro l’Anm, l’azienda dei trasporti partenopea. Secondo il primo cittadino, le assenze sarebbero un attacco criminale premeditato’. Parole durissime quelle di de Magistris, che meritano approfondimento. Chiediamo che venga aperta al più presto un’indagine per verificare quanto detto dal Sindaco: se avesse ragione ci troveremmo davanti ad un fatto di una gravità assoluta ai danni di tutti i cittadini. Vada assolutamente fatta chiarezza. C’è da dire che, come denunciamo da tempo, troppi dipendenti pubblici fanno i furbi con ‘finte malattie’ a discapito dell’azienda e del servizio, che già è disastroso. Una vergogna che costringe i cittadini ad aspettare anche 30 minuti per una metropolitana o ore intere per un pullman. Siano aumentati i controlli e puniti duramente i furbetti”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

Area degli allegati

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Informativa della Procura sulla guerriglia di Napoli: decine di identificati

Pubblicato

in

Informativa della Procura sulla guerriglia di Napoli: decine di identificati. Al setaccio immagini, volti e targhe. Inquirenti al lavoro.

 

Sono al lavoro per identificare chi si e’ reso protagonista degli scontri di venerdi’ sera a Napoli, gli investigatori della Squadra Mobile e della Digos della Questura, mentre le prime informative sono gia’ sulla scrivania del procuratore Giovanni Melillo, che ha voluto coordinare di persona l’attivita’ investigativa. Al momento gli inquirenti ipotizzano i reati di devastazione, danneggiamento, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Prosegue, intanto, l’analisi delle immagini ricavate dai sistemi di videosorveglianza, per estrapolare volti e targhe ma si sta passando al setaccio anche web e chat. Si ritiene che a determinare gli scontri contro le forze dell’ordine sia stata una miscela eterogenea composta da componenti della criminalita’, da frange estreme della tifoseria e da gruppi antagonisti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Guerriglia a Napoli, il ministro Lamorgese: ‘Attacchi preordinati, indaga la Procura’

Il procuratore nazionale De Raho: ‘L’asse clan-estremisti dietro gli scontri di Napoli

Com’e’ noto la genesi del corteo di venerdi’ risiede nella volonta’ dei commercianti del centro di manifestare il proprio dissenso pacificamente ma, man mano che si ci avvicinava a Palazzo Santa Lucia il “serpentone” si e’ via via ingrossato con l’innesto di personaggi – e’ emerso – che nulla hanno a che fare con il commercio legale. Oltre un centinaio di scooter, inoltre, ha ostacolato l’azione delle forze dell’ordine, circostanza questa che fa ritenere che il tutto sia stato orchestrato proprio per rendere piu’ efficace l’aggressione ai danni delle forze dell’ordine.

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette