Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Castellammare di Stabia

“Che vergogna! Ecogiustizia subito”, blitz di Legambiente alla foce del Sarno

Pubblicato

in



: “Il bacino idrografico del Sarno deve essere oggetto di una riconversione green. Questa richiesta di cambiamento deve iniziare ora, così come chiede un sempre crescente movimento civico nato nell’area dei comuni interessati”

 Che vergogna” e “Ecogiustizia subito”, blitz dei volontari di  Legambiente alla foce del fiume Sarno  , per denunciare anni di ritardi e di soldi spesi senza giungere alla soluzione delle problematiche ambientali di quel territorio, per denunciare anni di ritardi e di soldi spesi senza giungere alla soluzione delle problematiche . Il blitz è una delle iniziative che gli attivisti e le attiviste del cigno verde hanno organizzato in vista della tappa campana della Goletta Verde 2020, che avrà luogo dal 5 al 10 agosto .

Quest’anno la Goletta, giunta alla sua 34esima edizione, non segue il classico itinerario coast to coast a bordo dell’imbarcazione, che si prende per la prima volta una piccola pausa nel rispetto delle restrizioni per il distanziamento fisico imposte dalla pandemia. Il viaggio ideale lungo la Penisola vive di una formula inedita, ma che ugualmente punta a non abbassare la guardia sulla qualità delle acque e sugli abusi che minacciano le coste.

Con lo stop alle attività produttive imposto dal lockdown il Sarno si è mostrato meno sofferente, riducendo il carico di inquinamento chimico apportato nel Golfo di Napoli, ma non si può ignorare l’inquinamento derivante dalla mancanza delle reti fognarie e dei collettamenti agli impianti di depurazione, così come i rapporti dell’Arpac anche recentemente hanno evidenziato.

Così come non si può dimenticare il monitoraggio scientifico di Goletta Verde per ben dieci anni consecutivi ha attestato le gravi condizioni del fiume, giudicando “fortemente inquinati” i campioni effettuati alla foce tra i comuni di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata (Napoli). Si deve agire subito, insomma, perché le infrazioni comunitarie assorbono risorse e il tempo dell’attesa è finito.

Non è auspicabile solo il completamento delle infrastrutture necessarie, ma anche la lotta agli ecocriminali. Nonostante le frequenti attività investigative e gli sforzi messi in atto dalle forze dell’ordine, infatti, chi aggredisce il fiume agisce ancora sottovalutando i rischi sanitari, generando importanti danni economici per la comunità.

“Il bacino idrografico del fiume Sarno è un’area densamente abitata – dichiara Antonio Giannattasio, segreteria regionale Legambiente – ricca di eccellenze industriali ed agricole che devono avere da subito come mission la riconversione green perché diventino parte del racconto della rivoluzione ecologica auspicata. Il nostro blitz ha rappresentato proprio questa richiesta di cambiamento, affinché la vergogna di decenni finisca e si ristabilisca la giusta dignità per l’ambiente e per la popolazione attraverso l’ecogiustizia. Sono le medesime richieste del crescente movimento civico, nato durante il lockdown, che sta animando il territorio del bacino del Sarno con una rete che di associazioni, comitati e cittadini dei 39 comuni interessati, per chiedere di ristabilire gli equilibri ambientali e sociali”.

Foci di fiumi e torrenti, scarichi e piccoli canali- denuncia Legambiente- che spesso troviamo sulle nostre spiagge rappresentano i veicoli principali di contaminazione batterica dovuta alla insufficiente depurazione dei reflui urbani o agli scarichi illegali che, attraverso i corsi d’acqua, arrivano in mare. Le località costiere, inoltre, spesso pagano problematiche che si estendono fino ai comuni dell’entroterra. La denuncia sulle carenze depurative da parte di Legambiente vuole provare a superare questo deficit cronico, anche per tutelare il turismo e le eccellenze dei territori.

Nei prossimi giorni un team di tecnici e volontari dell’associazione effettueranno i campionamenti e analisi microbiologiche sulle coste della Campania. L’ufficio scientifico di Legambiente si è occupato della loro formazione e del loro coordinamento, individuando laboratori certificati sul territorio. Sono infatti citizen science e territorialità le parole chiave che coinvolgono centinaia di volontarie e volontari già al lavoro per raccogliere campioni di acqua e scovare le situazioni più critiche di inquinamento legate alla cattiva depurazione dei reflui. I risultati delle analisi sulla qualità delle acque in Campania verranno presentati il prossimo 10 agosto.

Continua a leggere
Pubblicità

Castellammare di Stabia

Coronavirus, altri due positivi a Castellammare: ora sono 48

Pubblicato

in

“L’Asl ci ha comunicato che altri 2 cittadini di Castellammare di Stabia sono risultati positivi al coronavirus. Si tratta di un 30enne e di una 46enne che, a seguito di alcuni sintomi febbrili, sono stati sottoposti al tampone, il cui esito ha confermato il contagio”.

 

Lo ha scritto il sindaco Gaetano Cimmino specificando: “I due pazienti si trovano attualmente in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva e ad entrambi auguro di guarire nel più breve tempo possibile. Sale a 48 il numero dei cittadini positivi al Covid in città, a seguito del notevole incremento registrato negli ultimi 7 giorni. La situazione è delicata e non va minimamente sottovalutata.

Proprio per questo motivo, continuo ad invocare maturità, senso di responsabilità e rispetto delle regole. Indossare la mascherina nei luoghi affollati è fondamentale per evitare che una singola leggerezza possa arrecare danni a centinaia di persone. Restiamo uniti per superare questo momento difficile e vincere questa sfida. Insieme ce la faremo”.

Continua a leggere



Castellammare di Stabia

Castellammare, resta in carcere il ‘branco’ che pestò il carabiniere in villa

Pubblicato

in

Castellammare di Stabia. Il tribunale del riesame ha confermato gli arresti per i sei ragazzi ritenuti responsabili del pestaggio di Giovanni Ballarò, carabiniere in servizio presso la stazione di Gragnano, la notte del primo agosto scorso.

 

Il tribunale delle Libertà ha respinto i ricorsi presentati dai legali dei sei imputati. Resta ai domiciliari il 42enne Manuel Spagnulo che, estraneo all’aggressione, è accusato di aver rubato, come si evince dalle immagini del sistema di videosorveglianza, il borsello del carabiniere finito sull’asfalto a seguito dell’aggressione. Ballarò, libero dal servizio, era intervenuto per sedare una rissa per motivi di viabilità e stava riprendendo con il suo cellulare l’episodio prima di essere brutalmente aggredito riportando un trauma cranico commotivo.

 

Indagini lampo dei militari che in meno di due giorni riuscirono ad identificare le persone coinvolte nella rissa tra cui un minorenne.  Restano quindi in carcere  il 29enne Ferdinando Imparato, il 24enne Giovanni Salvato, il 19enne Pio Lucarelli, Antonio Longobardi e Carmine Staiano. A questi si aggiunge Pasquale D.M., 17enne e unico minorenne del branco.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette