Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca

Giugliano, chiesto il divieto di vendita di alcolici in piazza dopo la mega rissa del 24

Pubblicato

in



Giugliano. Con una lunga e dettagliata lettera appello il dottor Antonio Di Nardo, responsabile dei Cobas dell’ospedale Cardalli chiede al sindaco di Giugliano e alle forze dell’ordine il divieto di vendita di alcolici in piazza per il consueto brindisi di fine anno. “Lo spiacevole episodio, verificatosi nel giorno del 24.12.2019 che ha visto protagonisti, ancora una volta dei minori ci ha portato ad essere oggetto di prime pagine di quotidiani locali, nonché Nazionali e tv nei maggiori telegiornali”, scrive Di Nardo e poi aggiunge:”L’episodio che ha trasformato un bellissimo momento di festa in piazza tra giovani e famiglie, per “fortuna” non si è trasformato in “tragedia” visto il grosso numero di cittadini che gremiva quelle piazze. Abbiamo assistito a momenti di violenza inaudita, dove dei giovanissimi si sono ritrovati a colpirsi con bottiglie di vetro, trasformando i loro visi in vere e proprie “maschere di sangue”.
Nel contempo molti negozi, bar locali vendevano bottiglie di spumante liberamente in piazza ed alla mercede di tutti e soprattutto di minori.
Pertanto, pur sapendo che bevande alcoliche possono essere acquistate altrove o addirittura portate da casa, semplicemente per non renderci complici, in visione del Brindisi del 31.12.2019, chiediamo al Sig. Sindaco di imporre il divieto assoluto di vendita libera in piazza di bevande alcoliche ai minori, pena multe salate al negoziante/venditore e requisizione della merce da parte della polizia locale e che ci sia un maggiore controllo da parte delle forze dell’ordine a partire dal primo pomeriggio fino alle 22:00 circa.
Al fine di garantire la sicurezza di molti giovani, famiglie che scendono in piazza con carrozzine, semplicemente per un momento di festa collettivo, che non può e non deve trasformarsi in qualche altra cosa.
Lo specchio del 24.12.2019, ci serva da monitor per far sì che episodi di violenza innescati da soliti irresponsabili fino ad oggi , sembra impuniti non coinvolgano più un intera cittadina ed i suoi abitanti”.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Giudiziaria

Omicidio del giovane calciatore di Miano: chiesta la conferma dei 17 anni di carcere per l’assassino

Pubblicato

in

omicidio giovane calciatore miano

Napoli. Il procuratore generale della Corte di Appello di Napoli ha chiesto la conferma della condanna a 17 anni di reclusione per Alfredo Galasso il 32enne reo confesso per l’omicidio Raffaele Perinelli, il giovane calciatore di Napoli accoltellato dopo una lite  davanti a un circolo ricreativo di Miano, il 6 ottobre del 2018.

 

Per Galasso il pm in primo grado aveva richiesto una condanna a 30 anni di reclusione. Il processo si era celebrato con rito abbreviato davanti al gup Pietro Carola. Galasso era reo confesso e  aveva chiesto scusa in aula alla famiglia del giovane calciatore di Miano. Lello Perinelli, 21 anni, morì l’8 ottobre 2018, accoltellato al cuore dall’omicida 31enne per una lite che risaliva a otto giorni prima. I due facevano parte dello stesso gruppo di amici.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, Galasso in aula: ‘Chiedo perdono alla famiglia di Lello Perinelli’

Napoli, omicidio di Lello Perinelli, la famiglia e l’avvocato in aula: ‘Fu premeditato’

Dal giorno del diverbio, Galasso era uscito di casa con un coltello dalla grande lama, mai ritrovato. Quando i due si incontrarono di nuovo per strada, volarono parole grosse, e Galasso estrasse il coltello e uccise Perinelli.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, pusher catturato dai Falchi a Pianura

Pubblicato

in

Napoli. Un pusher 28enne di Pianura è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri mattina i Falchi della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno effettuato un controllo in via Marano Pianura presso l’abitazione di un giovane che è stato trovato in possesso di 22 bustine contenenti cannabis per un peso complessivo di circa 26 grammi, 2 bilancini e diverso materiale per il confezionamento della sostanza.
L’uomo, un 28enne di Marano di Napoli, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli investigatori ora stanno cercando di risalire ai contatti del ragazzo e ai suoi probabili fornitori.

Continua a leggere



Le Notizie più lette