Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Politica

‘Se non partecipi decidi solo a metà’, assemblea pubblica a Scafati dei Democratici e Progressisti

Pubblicato

in




Venerdì 25 ottobre ore 18.30, presso la parrocchia San Francesco di Paola (cavalcavia Longobardi) a , si terrà un’ organizzata dal gruppo consiliare dei , per presentare e discutere di due proposte da presentare in Consiglio comunale. Si tratta di una assemblea aperta in cui il confronto e la discussione faranno da protagonisti e a cui sono chiamati a partecipare le associazioni, i movimenti, i comitati di quartieri e quanti vorranno contribuire con idee e proposte inerenti i patti di collaborazione e il bilancio partecipato: due strumenti che mirano a dare maggiori possibilità di partecipazione e maggiore potere decisionale ai cittadini, il cui ruolo, con diritti e doveri, non si esaurisce nel momento del voto. Con il bilancio partecipato, per esempio, i cittadini potranno proporre e scegliere come utilizzare una parte di esso (quali i progetti, le idee, le priorità). Con i patti di collaborazione, invece, unioni di cittadini o associazioni potranno – in collaborazione con il Comune – prendersi cura di alcuni luoghi fisici e sociali della città.
Il tutto – spiega , Consigliere comunale e autore de “La macchia urbana. La vittoria della disuguaglianza e la speranza dei commons” con prefazione di Walter Tocci – “Parte da una convinzione politica ben precisa: la città non è una merce e le Istituzioni non devono più avere un approccio verticale. La città è un bene comune che appartiene a chi la abita, e le Istituzioni devono cedere sempre più sovranità ai cittadini”. “I beni comuni – conclude – sono una strada da percorrere per combattere disuguaglianze, degrado, ingiustizie sociali e ambientali.
A questa discussione aperta e orizzontale prenderanno parte , docente di Storia e Filosofia nei Licei e dottore di ricerca in Filosofia del Diritto presso l’Università degli studi di Salerno e Matteo Donisi, dal 2016 Consigliere comunale a Caserta occupandosi prevalentemente di politiche giovanili, sussidiarietà orizzontale e tombini “appilati”.
Maddalena Cerasuolo

 

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Ecco tutte le misure contenute nel Decreto Ristoro approvato dal Cdm

Pubblicato

in

decreto ristoro

Ecco tutte le misure contenute nel Decreto Ristoro approvato dal Cdm

 

Il Consiglio dei ministri si e’ riunito martedi’ 27 ottobre 2020, alle ore 15.50 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del presidente Giuseppe Conte, segretario il sottosegretario alla presidenza, Riccardo Fraccaro. Il comunicato finale di Palazzo Chigi informa che il Cdm ha adottato ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19 per decreto-legge. “Il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Giuseppe Conte e del ministro dell’Economia e delle finanze, Roberto Gualtieri – si legge nel comunicato – ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori misure urgenti per la tutela della salute e per il sostegno ai lavoratori e ai settori produttivi, nonche’ in materia di giustizia e sicurezza connesse all’epidemia da Covid-19. Il testo interviene con uno stanziamento di 5,4 miliardi di euro in termini di indebitamento netto e 6,2 miliardi in termini di saldo da finanziare, destinati al ristoro delle attivita’ economiche interessate, direttamente o indirettamente, dalle restrizioni disposte a tutela della salute, nonche’ al sostegno dei lavoratori in esse impiegati.

Di seguito le principali misure introdotte.

Contributi a fondo perduto.

“Le imprese dei settori oggetto delle nuove restrizioni riceveranno contributi a fondo perduto con la stessa procedura gia’ utilizzata dall’Agenzia delle entrate in relazione ai contributi previsti dal decreto “Rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34). La platea dei beneficiari includera’ anche le imprese con fatturato maggiore di 5 milioni di euro (con un ristoro pari al 10 per cento del calo del fatturato). Potranno presentare la domanda anche le attivita’ che non hanno usufruito dei precedenti contributi, mentre e’ prevista l’erogazione automatica sul conto corrente, entro il 15 novembre, per chi aveva gia’ fatto domanda in precedenza. L’importo del beneficio variera’ dal 100 per cento al 400 per cento di quanto previsto in precedenza, in funzione del settore di attivita’ dell’esercizio”.

Proroga della cassa integrazione.

“Con un intervento da 1,6 miliardi complessivi, vengono disposte ulteriori 6 settimane di Cassa integrazione ordinaria, in deroga e di assegno ordinario legate all’emergenza Covid-19, da usufruire tra il 16 novembre 2019 e il 31 gennaio 2021 da parte delle imprese che hanno esaurito le precedenti settimane di Cassa integrazione e da parte di quelle soggette a chiusura o limitazione delle attivita’ economiche. E’ prevista un’aliquota contributiva addizionale differenziata sulla base della riduzione di fatturato. La Cassa e’ gratuita per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione di fatturato pari o superiore al 20 per cento, per chi ha avviato l’attivita’ dopo il 1° gennaio 2019 e per le imprese interessate dalle restrizioni.

Esonero dal versamento dei contributi previdenziali.

“Viene riconosciuto un esonero dal versamento dei contributi previdenziali ai datori di lavoro (con esclusione del settore agricolo) che hanno sospeso o ridotto l’attivita’ a causa dell’emergenza Covid, per un periodo massimo di 4 mesi, fruibili entro il 31 maggio 2021. L’esonero e’ determinato in base alla perdita di fatturato ed e’ pari: al 50 per cento dei contributi previdenziali per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione del fatturato inferiore al 20 per cento; al 100 per cento dei contributi previdenziali per i datori che hanno subito una riduzione del fatturato pari o superiore al 20 per cento.

Credito d’imposta sugli affitti.

“Il credito d’imposta sugli affitti viene esteso ai mesi di ottobre, novembre e dicembre ed allargato alle imprese con ricavi superiori ai 5 milioni di euro che abbiano subito un calo del fatturato del 50 per cento. Il relativo credito e’ cedibile al proprietario dell’immobile locato”.

Cancellazione della seconda rata Imu.

“La seconda rata dell’Imu 2020 relativa agli immobili e alle pertinenze in cui si svolgono le loro attivita’ e’ cancellata per le categorie interessate dalle restrizioni”. Misure per i lavoratori dello spettacolo e del turismo. “Sono previste: una indennita’ di 1.000 euro per tutti i lavoratori autonomi e intermittenti dello spettacolo; la proroga della cassa integrazione e indennita’ speciali per il settore del turismo”.

Fondi di sostegno per alcuni dei settori piu’ colpiti.

“E’ stanziato complessivamente 1 miliardo per il sostegno nei confronti di alcuni settori colpiti: 400 milioni per agenzie di viaggio e tour operator; 100 milioni per editoria, fiere e congressi; 100 milioni di euro per il sostegno al settore alberghiero e termale; 400 milioni di euro per il sostegno all’export e alle fiere internazionali”.

 Reddito di emergenza.

“A tutti coloro che ne avevano gia’ diritto e a chi nel mese di settembre ha avuto un valore del reddito familiare inferiore all’importo del beneficio verranno erogate due mensilita’ del Reddito di emergenza”.

Indennita’ da 800 euro per i lavoratori del settore sportivo.

“E’ riconosciuta un’ulteriore indennita’ destinata a tutti i lavoratori del settore sportivo che avevano gia’ ricevuto le indennita’ previste dai decreti “Cura Italia” (decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18) e “Rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34). L’importo e’ aumentato da 600 a 800 euro”.

Sostegno allo sport dilettantistico.

“Per far fronte alle difficolta’ delle associazioni e societa’ sportive dilettantistiche viene istituito un apposito Fondo le cui risorse verranno assegnate al Dipartimento per lo sport. Il Fondo viene finanziato per 50 milioni di euro per il 2020 per l’adozione di misure di sostegno e ripresa delle associazioni e societa’ sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto la propria attivita’, tenendo conto del servizio di interesse generale che queste associazioni svolgono, soprattutto per le comunita’ locali e i giovani”.

Contributo a fondo perduto per le filiere di agricoltura e pesca.

“Viene istituito un fondo da 100 milioni di euro per sostenere le imprese delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura interessate dalle misure restrittive. Il sostegno viene effettuato attraverso la concessione di contributi a fondo perduto a chi ha avviato l’attivita’ dopo il 1° gennaio 2019 e a chi ha subito un calo del fatturato superiore al 25% nel novembre 2020 rispetto al novembre 2019”.

Salute e sicurezza. “E’ previsto un insieme di interventi per rafforzare ulteriormente la risposta sanitaria del nostro Paese nei confronti dell’emergenza Coronavirus. Tra questi: lo stanziamento dei fondi necessari per la somministrazione di 2 milioni di tamponi rapidi presso i medici di famiglia; l’istituzione presso il ministero della Salute del Servizio nazionale di risposta telefonica per la sorveglianza sanitaria e le attivita’ di contact tracing”.

Il decreto approvato dal Consiglio dei ministri, inoltre, prevede anche specifiche misure per il settore giustizia. Tra l’altro, si introducono disposizioni: per l’utilizzo di collegamenti da remoto per l’espletamento di specifiche attivita’ legate alle indagini preliminari e, in ambito sia civile che penale, alle udienze; per la semplificazione del deposito di atti, documenti e istanze”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette