🔴 ULTIME NOTIZIE :

‘Il Mondocuore di Isadì’, gara di solidarietà per il libro per bambini che racconta la diversità

L’autrice, Donata Magrini, è anche la mamma di Isabella, una bambina affetta da sindrome di down. Donata ha scelto di raccontare la loro storia attraverso un libro per bambini che possa arrivare al cuore di tutti affrontando in modo giocoso e positivo temi come la malattia e la diversità....

Le mani del clan Mazzarella su Roma: indagini della Dia sull’espansione nella Capitale

Napoli.Sergio Grassia detto sergiolino e Raffaele Oliviero detto o’ pop erano entrati nel mirino dei […]

    . detto sergiolino e Raffaele Oliviero detto o’ pop erano entrati nel mirino dei nemici del . E quando la scorsa settimana sono stati arrestati sulla spiaggia di Ardea dove stavano trascorrendo la latitanza-vacanza insieme con i familiari si può dire che sono scampati alla morte. E dunque devono anche ringraziare i che li hanno arrestati. I Mazzarella infatti attraverso i loro collegamenti con il clan siciliano dei Fragalà aveva individuato il loro nascondiglio e stava preparando un attentato nei loro confronti. E’ quando emerge da una delicata inchiesta della Dia e sui collegamenti ma soprattutto sull’espansione dei Mazzarella nel Lazio e sul litorale romano. Espansione storica che risale a una decina di anni fa attraverso Gennaro Moccardi e alcuni suoi parenti che spacciavano cocaina su Ladispoli e rifornivano i Casamonica e poi attraverso “Totoriello” il cui nome compare nell’inchiesta “Brasile low cost” del 30 gennaio scorso che ha portato in carcere tra gli altri il boss romano Salvatore Casamonica. Ebbene negli ultimi mesi ci sarebbe stata una rottura tra i Casamonica e i Mazzarella per un pestaggio subiti da alcuni esponenti della cosca dei Casamonica legati a Pasquale detto Rocky ad opera di affiliati ai Mazzarella. C’è mancato poco che non scoppiasse uno scontro armato tra le due famiglie criminale e solo l’intervento pacificatore dei Fragalà ha fatto si che ciò non avvenisse. Poi l’arresto dei boss catanesi ha mandato all’aria anche l’agguato che i Mazzarella attraverso gli uomini dei famigerato Giancarlo, “l’uomo nero” di san Giorgio a Cremano, stavano preparando nei confronti di Grassia (già oggetto di ben 4 stese sotto la sua abitazione e di una bomba nella pizzeria dei nipoti a san Giuseppe Vesuviano nei mesi scorsi) e di Oliviero. Gli investigatori ora stanno seguendo con attenzione l’evolversi della situazione e l’espansione dei Mazzarella su Roma.

    Leggi anche

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Terra dei fuochi: in diminuzione incendi di rifiuti. A gennaio si conferma dato positivo

    Il mese di gennaio apre il nuovo anno con una conferma del trend positivo di diminuzione degli incendi di rifiuti nella Terra dei fuochi:...

    Napoli, truffa su contributi Corecom per 2,3 milioni di euro: 5 condanne

    La settima sezione penale del Tribunale di Napoli ha condannato a sette anni e dieci mesi l'avvocato Lucio Varriale per una truffa che vede...

    Borussia Dortmund, gioia Haller: ritrova il gol in Bundesliga dopo tumore

    Dopo 269 giorni dall'ultima volta e dopo aver sconfitto per ben due volte un tumore ai testicoli, Sebastien Haller è tornato al gol nella...

    Caserta, fiume Volturno in piena: la Provincia chiede lo stato di calamità

    Il 18 e il 19 gennaio la piena eccezionale del fiume Volturno ha interessato diversi comuni della provincia di Caserta: Capua, Castel Volturno, Cancello...