Padova-Salernitana 0-0: granata sparagnini e poco incisivi

Primo tempo con terreno di gioco pesantissimo.I padroni di casa fanno la partita con la Salernitana intenta a difendersi e ripartire in contropiede. Ma la squadra di Gregucci crea ben poco. Pericoloso nei veneti Bonazzoli mentre nei salernitani è Minala a fare una partita di cuore e polmoni. Ma sono troppe le palle perse da parte degli uomini di Gregucci. Impalpabile e nervoso Jallow, in ombra Andre Anderson. Manovra offensiva letteralmente vuota di contenuti. La ripresa comincia sulla stessa falsa riga della prima frazione. Parte bene il Padova con Bonazzoli pericolo, Micai c’è. I granata rispondono con un triangolo Anderson-Casasola-Jallow ma senza ferire. Migliorini al quarto d’ora sbroglia un azione pericolosa nella propria area. Nel Padova entra Ceccaroni per Trevisan infortunato. Intanto anche Perticone viene ammonito da Di Martino. Al 21’ Padova vicino al gol con Mbakogu che non riesce a deviare da due passi in rete dopo un liscio di Di Tacchio. Baraye, nuovo acquisto patavino, entra al posto di Bonazzoli. Proprio Baraye è pericoloso con un dialogo con Mbakogu, Migliorini ci mette una pezza. Nei granata entra Bernardini per Gigliotti. Ritorno in campo dopo molti mesi per il biondo centrale. Al 33’ in contropiede Jallow sfuma il colpo da tre punti, deviazione veneta in corner. Lo stesso attaccante non sfrutta un minuto dopo uno spunto interessante. Viene sostituito da Djuric a dieci dal termine. Entra anche Rosina per Pucino nei campani e Pulzetti per Calvano nei veneti. Non succede più nulla, malgrado l’ingiustificato maxi-recupero.

Contenuti Sponsorizzati