Camorra, ‘sconto di pena’: al boss Orlando: solo 18 anni di carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Marano. E’ stato condannato a 18 anni di carcere il boss Antonio Orlando, detto Mazzolino, capo del clan Orlando di Marano, arrestato tre mesi fa dopo una latitanza di oltre 15 anni. Il leader della cosca ‘dei Carrisi’ era accusato di associazione mafiosa finalizzata al traffico di stupefacenti ed estorsione. Il processo si è celebrato con il rito abbreviato per cui Mazzolino, che è attualmente detenuto nel carcere milanese di Opera, ha usufruito dello sconto di pena. Antonio Orlando in tutti questi anni della sua latitanza è sempre stato nella zona a Nord di Napoli e manteneva i contatti, prima del blitz di due anni che sgominò l’intero clan, con il nipote Armandino Lubrano. Quando fu arrestato il 27 novembre scorso in un appartamento di via Rossini, nel centro di Mugnano, il boss ora 60enne aveva con sé una carta d’identità falsa, con i dati anagrafici di un cugino residente a Marano, e una foto, la sua, piuttosto recente. E prima di arrendersi, tentò di disfarsene e dare alle fiamme alcuni documenti, tra cui alcune lettere e pizzini per comunicare con l’esterno. Secondo gli investigatori al momento dell’arresto il boss era pronto a cambiare rifugio, dove comunque vi era ogni comfort: sauna, doccia e tapis roulant. Nell’appartamento su due livelli, intestato ad una insospettabile,  furono rinvenute due sim card, sei mila euro in contanti e una collezione di Rolex e costosissimi accendini.


Torna alla Home


Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE