Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Portici, giallo sulla morte del 49enne caduto con l’auto in mare al Granatello: scatta l’inchiesta

Pubblicato

in



. E’ l’uomo che è stato ritrovato privo di vita all’interno di un’automobile nello specchio d’acqua al . A scoprire l’auto nelle acque del porto alcuni pescatori che hanno provveduto ad allertare gli uomini della Capitaneria di porto, sul posto sono giunti anche i Vigili del Fuoco del nucleo sommozzatori di Napoli che hanno, con non poche difficoltà, provveduto al recupero dell’auto dall’acqua. Durante le operazioni è stato scoperto il corpo dell’uomo. Sulla vicenda è stata aperta un’indagine. Secondo i primi rilievi effettuati pare si tratti di un suicidio ma a chiarire meglio la dinamica dei fatti saranno le immagini del sistema di videosorveglianza. Non è da escludere che si possa trattare anche di un malore. Sarà l’esame autoptico che si effettuerà nei prossimi giorni a stabilire la reale causa del decesso. L’uomo, 49 anni, non era sposato e viveva con la sua famiglia d’origine in un’abitazione nei pressi della centralissima piazza Poli.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Insurgencia Napoli: ‘La città è esplosa, non si governa con la paura’

Pubblicato

in

insurgencia napoli

“A poche ore dall’annuncio del lockdown, Napoli esplode”. Esordiscono così gli attivisti del centro sociale napoletano Insurgencia in un post pubblicato su Facebook a commento di quanto avvenuto ieri sera a Napoli.

 

“Dopo mesi di deliri a reti unificate del governatore – si legge – la favola del modello campano entra in crisi. Ora inizierà la solita canea di analisi sociologica delle piazze: chi c’era stanotte e chi c’era dietro, se parlavano bene italiano, se erano giusti o sbagliati i modi, se era una piazza di sinistra, una piazza antipolitica, una piazza negazionista, una piazza chi più ne ha più ne metta”. Gli attivisti di Insurgencia spiegano che “a noi per ora interessa dire una cosa. Non si governa la povertà con la paura. Sostegno a reddito diretto e indiretto per tutte le persone che dovranno fare sacrifici per le prossime restrizioni imposte dall’emergenza pandemica; risorse straordinarie immediate per garantire a tutte e tutti l’accesso a screening, cure e diritto alla salute. Siamo sull’orlo di una guerra civile: dovete darci il denaro, poi ne riparliamo”, conclude il post.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Guerriglia a Napoli: arrivano i primi due arresti

Continua a leggere

Le Notizie più lette