Polemiche per la pericolosità di via Campana dopo la morte dell’operaio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il grave incidente stradale di ieri costato la vita a Vincenzo Pariota, originario di Quarto ma residente a Villaricca ha riaperto le polemiche sulla pericolosità di via Campana. L’uomo di quarantuno anni, era in sella a uno scooter in via Campana, strada che unisce Marano e Villaricca alla zona flegrea quando è avvenuto l’impatto. Operaio edile in una ditta di Quarto, si stava recando al lavoro quando per cause ancora in corso di accertamento, ha investito un quarantaseienne di Qualiano in bicicletta. Il ciclista è sbalzato sul selciato, mentre Pariota ha terminato la sua corsa contro uno dei jersey di cemento sistemati da tempo lungo la careggiata. La strada sulla quale è avvenuto il terribile incidente è una delle più insidiose della zona flegrea: franò diversi anni fa, ma il costone da allora, non è mai stato messo in sicurezza, motivo per cui sono presenti ancora i jersey contro i quali Patriota ha perso la vita. E proprio la presenza dei jersey ha scatenato le polemiche sui social dopo la morte di Vincenzo.
Sul posto sono accorsi i carabinieri della tenenza di Quarto e gli agenti della polizia municipale. La salma dell’operaio è stata trasportata al Secondo Policlinico di Napoli, dove nelle prossime ore sarà eseguita l’autopsia. Il quarantaeienne di Qualiano, invece, è stato medicato all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli ed è stato dimesso poco dopo con otto giorni di prognosi. Vincenzo Pariota lascia moglie e due figli.






LEGGI ANCHE

Afragola, inchiesta sulla morte dell’operaio Pasquale Psipico

Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire le cause esatte della morte dell'operaio di 35 anni Pasquale Pispico caduto ieri mattina da una impalcatura di...

Napoli, aggressioni e furti a Chiaia: 7 arresti

Quattro sono gli autori della tentata rapina e aggressione al Flanagan's di Chiaia dell'agosto scorso

Morti sul lavoro, presidio di Cgil e Uil  domani in piazza del Plebiscito a Napoli

Napoli. Domani mercoledì 21 febbraio, alle ore 15, è previsto un presidio promosso da Cgil e Uil insieme alle categorie degli edili Fillea e...

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE