People walk in Via San Gregorio Armeno in Naples which hosts many artisans who make world renowed hand-crafted Nativity scenes on December 20, 2011. Via San Gregorio Armeno is usually bustling at this time of year as Italians and tourists come for brightly painted figurines, from the Mary and Child, to the Angel Gabriel, to the richly-robed Three Wise Men but the artisans warn they may not be around fwor much longer as the economic crisis hits their family businesses. they may not be around fwor much longer as the economic crisis hits their family businesses. AFP PHOTO / CARLO HERMANN TO GO WITH AFP STORY BY ELLA IDE (Photo credit should read CARLO HERMANN/AFP/Getty Images)

Da domani, e in tutti i giorni di maggior affluenza turistica nelle feste di Natale, sarà istituito un senso unico pedonale a via San Gregorio Armeno, la strada dei presepi nel cuore del centro antico di Napoli. Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco Luigi de Magistris, che prende atto della possibilità di “intralci ad eventuali mezzi di soccorso e di emergenza” dovuti a “l’enorme flusso pedonale”, con “conseguente rischio per la pubblica e privata incolumità”. L’ordinanza prevede il senso unico pedonale in via San Gregorio Armeno dall’intersezione con via San Biagio dei Librai, conosciuta anche come “Spaccanapoli”, in direzione di piazza San Gaetano. Il dispositivo potrà essere applicato in caso di necessità nei seguenti giorni e orari: venerdì 7 dicembre dalle ore 15 alle 21, sabato e domenica 8 e 9 dicembre dalle 9 alle 21; venerdì 14 dicembre dalle ore 15 alle 21, sabato e domenica 15 e 16 dicembre dalle ore 9 alle 21; venerdì 21 dicembre dalle 15 alle 21, sabato e domenica 22 e 23 dicembre ore 9 alle 21; lunedì 24 dicembre dalle ore 9 alle 15.”Fermo restando i giorni, gli orari e le strade suddette – si legge nell’ordinanza – l’attuazione del dispositivo di sicurezza per i flussi pedonali a senso unico verrà concretamente attuata, con la collaborazione degli operatori del Servizio Protezione Civile e con i Volontari delle Associazioni riconosciute, su disposizione dell’Ufficiale di Polizia locale più alto in grado, comandato dal Comando generale della Polizia locale in servizio nei Decumani, che valuterà le condizioni di necessità per il tempo necessario al superamento della situazione di potenziale pericolo per la pubblica e privata incolumità”.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati