Pozzuoli pirata della strada, Pozzuoli, ancora senza nome il pirata della strada che ha investito l’anziana in estate


Pozzuoli. Non ha ancora un volto e un nome il pirata della strada che il 5 luglio scorso ha investito Emilia Di Fraia. Possibile che nessuno abbia visto nulla alle tre del pomeriggio in pieno centro di una città popolosa come Pozzuoli? Che non si riesca a risalire neanche all’anonimo che ha allertato i soccorsi? Che nessuno abbia un rigurgito di coscienza? Sono le domande che da mesi tormentano la pensionata e i suoi familiari.
L’anziana, che ha 79 anni, stava percorrendo a piedi via Giorgio De Chirico, all’altezza del civico 26, sul marciapiede, quando è stata improvvisamente e violentemente travolta alle spalle da una vettura che l’ha scaraventa a terra, facendola volare in avanti e impattare al suolo con il volto e il costato.
L’automobilista, però, non si è fermato: l’anziana non ha fatto a tempo a rendersi conto di nulla, non riusciva neanche a muoversi, e, tutta dolorante a terra, ha potuto solo invocare aiuto, ma il suo investitore l’ha abbandonata al suo destino. La donna ha sentito soltanto il rumore dell’accelerata dell’auto pirata e la sgommata per allontanarsi a tutto gas: stesa com’era, faccia all’ingiù, non è riuscita a distinguere neanche il modello della macchina.
Per fortuna, poco dopo, è arrivata un’ambulanza del Suem di Santa Maria delle Grazie, ma anche chi ha chiamato i soccorsi è ignoto: la telefonata, infatti, era anonima, e il dubbio è che possa essersi trattato dello stesso pirata. I sanitari hanno immobilizzano l’anziana, l’hanno caricata in barella e trasportata all’ospedale cittadino per le cure del caso. Per fortuna se l’è cavata, ma ha riportato traumi e una prognosi pesanti, tanto più per una persona di una certa età: frattura del setto nasale e del bacino, frattura costale multipla, perdita di tre denti, botte ed ematomi in tutto il corpo. La settantanovenne è stata dimessa dall’ospedale ma ha avuto a lungo bisogno di assistenza continua, ci vorrà ancora molto tempo perché possa riprendersi e non tornerà più come prima.
La vittima e il figlio, dunque, per essere assistiti e ottenere giustizia, attraverso la consulente personale Mila Tizzano, si sono affidati a Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni tipologia di sinistro, a tutela dei diritti dei cittadini. E’ stato subito lanciato un appello alla ricerca di testimoni ed è stata presentata formale denuncia-querela contro ignoti presso la stazione dei carabinieri di Pozzuoli indirizzata alla Procura di Napoli in cui venivano esposti i fatti, chiedendo all’autorità giudiziaria di profondere ogni sforzo per rintracciare e perseguire il pirata, valutando anche l’opportunità di acquisire i tabulati telefonici per accertare l’identità di colui che aveva chiamato l’ambulanza inviando i soccorsi sul luogo dell’investimento.
Purtroppo, però, ogni tentativo si è rivelato vano. Nessun testimone si è mai fatto avanti e nella zona non sono presenti telecamere. Risultato, le indagini si sono arenate e il pirata rischia di farla franca e di non essere perseguito, come dovrebbe, per i reati di omissione di soccorso e lesioni stradali gravi. Non solo. Se non si riuscirà ad acquisire qualche elemento, l’anziana non sarà nemmeno risarcita per i gravi danni fisici e morali patiti. Come in tutti i casi in cui non è noto il veicolo che ha causato l’incidente, Studio 3A ha presentato domanda di risarcimento al Fondo di Garanzia Vittime della Strada, istituito proprio per intervenire e fornire tutele in questi casi, ma Generali, la compagnia di assicurazione mandataria del Fondo per la regione Campania, ha risposto picche. Motivo? “Non è stata fornita prova del fatto storico”. Non basta la parola della signora, non basta il referto del pronto soccorso e tutta la documentazione medica: il Fondo pretende dei testimoni “terzi”. Anche se sono passati più di quattro mesi, la signora Emilia e i suoi familiari non hanno ancora perso del tutto la speranza in un rigurgito di coscienza da parte di chi ha sicuramente visto. L’appello lanciato la scorsa estate resta sempre valido: chi avesse qualche informazione può contattare le forze dell’ordine o Studio 3A al numero verde 800090210.

LEGGI ANCHE  Atalanta-Napoli: non c’è fine alla sfortuna, anche Insigne fuori



Cronache Tv


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Covid, altri 2843 nuovi casi in Campania

La percentuale di tamponi positivi sul totale dei tamponi analizzati è pari a 11,13%. Precisazione sulla zona rossa
Leggi tutto

Scafati, barman muore di covid a 39 anni

Luigi Barbaro è morto nell'ospedale di Ariana Irpino. A Scafati non c'è posto e da giorni c'è la fila delle...
Leggi tutto

Confesercenti Campania: ‘Senza sostegno zona rossa è colpo mortale’

Vincenzo Schiavo: "Un colpo mortale per le aziende se non ci saranno immediati sostegni"
Leggi tutto

Controlli a Licola: decine di persone identificate e multate

Operazione dei carabinieri della compagnia di Pozzuoli
Leggi tutto

Caserta, rifiuti dati alle fiamme all’ingresso del Duomo, danneggiate le mura della chiesa

Borrelli: "Il Duomo di Caserta usato come inceneritore è un comportamento criminale che va punito, si faccia luce sui responsabili."
Leggi tutto

Controlli interforze a Chiaia, un parcheggiatore abusivo denunciato

Controllate anche 15 autovetture e 3 motocicli
Leggi tutto

Al Duomo di Salerno, commemorazione in ricordo del dottor Giovanni Palatucci

Giovanni Palatucci, penultimo Questore della città di Fiume italiana, che, dal novembre del 1937, salvò dalla deportazione migliaia di perseguitati,...
Leggi tutto

Interrogazione parlamentare su ospedale unico in Penisola Sorrentina

Carmen Di Lauro (M5s): 'Rivedere il progetto'. L'ospedale dovrebbe sorgere a Sant'Agnello
Leggi tutto

Napoli, vende profumi in un basso a Poggioreale: denunciato

I poliziotti hanno scoperto un vero e proprio “negozio” allestito con scaffali, espositori, e 520 confezioni di profumi di noti...
Leggi tutto

Napoli, gente in strada ma senza criticità

Sul Lungomare più auto che pedoni. Più affollate invece le strade dello shopping come via Toledo e la zona del...
Leggi tutto

La Regione Campania dà l’ok al vaccino per i giornalisti

La comunicazione del presidente dell'Ordine, Ottavio Lucarelli
Leggi tutto

Omicidio Cerciello Rega: chiesto l’ergastolo per i due americani

Il vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega è stato ucciso la notte tra il 25 ed il 26 luglio del...
Leggi tutto

Napoli, controlli al quartiere Mercato: oltre 100 identificati

Multe e sequestri da parte della polizia nel corso dell'operazione Alto Impatto
Leggi tutto

Napoli, si ferma Bakayoko. Col Bologna Demme titolare

Lozano ha fatto terapie e lavoro personalizzato in campo. Per Petagna terapie e lavoro personalizzato in palestra
Leggi tutto

Napoli, scontro tra auto e moto a Scampia: 2 morti

L'incidente in via Ghisleri. Le due vittime viaggiavano su uno scooter
Leggi tutto

Picchiato dai suoi datori di lavoro: arrestati in 3

E' accaduto a Sant'Antonio Abate. L'uomo era stato accusato ingiustamente del furto di 100 forme di Parmigiano Reggiano
Leggi tutto

Anestesista-rianimatore del Cotugno: ‘Assistenza non garantita, subito un lockdown’

Il primo cittadino di Calvi Risorta, Giovanni Lombardi lancia l'allarme: "Pazienti critici lasciati senza letto, è un dramma"
Leggi tutto

Operazione terra dei Fuochi a Marano: 1 denunciato

In azione esercito e Polizia municipale: sequestrata un'area di 300 metri quadrati
Leggi tutto

Pozzuoli, area ex Sofer, l’Opposizione: “Scelta che sottrae risorse e danneggia la Città”

Dopo 10 anni di nulla, si torna a discutere in Consiglio Comunale del PUA Waterfront con una proposta che darebbe...
Leggi tutto

Napoli, i carabinieri sequestrano 60 chili di sigarette: 51enne in manette

I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli hanno arrestato per contrabbando di sigarette Bruno Vivo, 51enne di Casoria già noto...
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..