Si e’ ucciso con un colpo di pistola al petto Pietro La Torre, zio 88enne di considerato dagli investigatori uno dei capi della casertana e noto come il “boss psicologo” per aver conseguito la laurea in carcere, per un certo periodo collaboratore di giustizia. L’episodio e’ avvenuto a Mondragone, del litorale casertano dove i La Torre vivono. L’anziano, pregiudicato per reati di e considerato organico al fondato dal fratello Tiberio, padre di Augusto, si e’ sparato nella sua abitazione di via San Francesco d’Assisi con una Beretta con matricola cancellata; e’ stato il figlio a scoprire il corpo del padre e a chiamare i carabinieri. Pietro La Torre era stato arrestato l’ultima volta nel 2015 insieme col figlio Luciano per il reato di usura nell’ambito di un’indagine della Procura di Santa Maria Capua Vetere. Sulla salma dell’88enne, che sembra soffrisse di depressione, verra’ effettuata l’autopsia.

Camorra: si suicida l’88enne Pietro La Torre, zio del boss Augusto
di Redazione per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Meteo, ancora sole al Nord e rischio temporali al Centro e al Sud

Notizia precedente

Crollo Genova, concluse operazioni recupero vittime. Domani consegna primi alloggi agli sfrattati

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..