Jovanotti commosso, Baglioni lo ricorda, De Gregori l’omaggia con “Anema e core”, poi Gianna Nannini con “Anna verrà” e Fiorella Mannoia con la sua band e con il sax di James Senese: tutto questo per la notte di dove la musica italiana si è manifestata come una grande famiglia all’insegna della solidarietà e della amicizia, per un evento probabilmente unico nella sua storia che Rai1 ha voluto trasmettere in diretta insieme a nove radio.
“Yes I Know My Way” è stato il leit motiv di una serata aperta proprio Pino sul maxischermo, con la sua band sul palco. Un rap di Jovanotti e ancora un filmato di a presentare Alessandro Siani. Lorenzo canta “Putesse essere allegro” ma è commosso. Biagio Antonacci saluta l’amico con “Che Dio ti benedica” e con la Amoroso cantano “Che male c’è”. Giuliano Sangiorgio, raggiunto da Emma, propone il classico “Quanne chiove” dove il sax di Senese è protagonista. Vanessa Incontrada sullo schermo ricorda come Daniele cantava le donne e lancia Giorgia “In questo immenso”. De Gregori racconta che a Pino piaceva “Generale” e chiama Enzo Avitabile a duettare in napoletano. Vincenzo Salemme ricorda quando Pino gli regalò la colonna sonora di “Amore a prima vista” e la canzone “Si forever”. Ed arriva anche il momento di Ramazzotti, amico carissimo dell’artista napoletano, con “‘O scarrafone” unitamente a tanti ricordi: ”Un rapporto bellissimo il nostro, sin dall’88, per me era sempre un mito, ho amato di lui tantissime cose, ma su tutto l’album Nero a metà”. Poi di nuovo il duo dei sodali si ricompone con Jovanotti sul palco e “A me me piace ‘o blus”. Il momento di Claudio Baglioni, con “Alleria” eseguita al pianoforte; racconta la sua amicizia e mostra la loro foto davanti al mare, l’ultima chiacchierata. Panariello declama “‘O ssaje comme fa ‘o core” di Massimo Troisi e arrivano poi Elisa e Fiorella Mannoia. ”L’ho conosciuto alla fine degli anni ’60, è lui il ragazzo con il pianoforte sulle spalle della notte prima degli esami”, rivela Antonello Venditti prima di cantare “Io so’ pazzo”.
Brignano parla di Roma e delle somiglianze con Napoli, poi dell’ammirazione di Pino per la Magnani, Eduardo. Mannoia ricorda le grandi risate insieme, Clementino canta a modo suo “Na tazzulella ‘e cafè” e si pensa ad Eduardo, il Volo duetta con la voce di Pino nel classico “O sole mio”. La Vanoni interpreta “Anima” e Massimo Ranieri “Cammina, cammina”, e c’è ancora tanta musica al San Paolo nella notte di Pino è, ma aldilà del grande tributo, siamo proprio sicuri che a avrebbe fatto piacere tutta questa celebrazione?

LEGGI ANCHE  Napoli, controlli ai Quartieri Spagnoli: denunce e sequestri
ADS



Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

Infiltrazioni del clan, annullata la festa dei Gigli di Casavatore: scatta la protesta

Notizia precedente

San Giuseppe Vesuviano, spari contro una pizzeria: trovati 12 bossoli

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..