Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Rubriche

Il tutorial: un’irrinunciabile guida nella vastità del web

Pubblicato

in



Tutti i frequentatori del web, assidui o meno assidui, hanno sentito nominare almeno una volta nella vita questa parola: ma cos’è un , e a cosa serve?

La parola deriva dal vocabolo tutor. Nell’antica Roma l’aio (il tutore), era colui al quale venivano affidate la crescita e la formazione dei giovani romani appartenenti alle famiglie facoltose, oltre che l’amministrazione dei beni per conto di tutti i minori che non avessero ancora raggiunto la pubertà.

Nel Regno Unito, da cui proviene l’accezione utilizzata nella lingua italiana, la parola tutore assume un altro significato, anche se correlato. Il tutor deve prendersi la responsabilità della crescita e dell’istruzione dell’individuo tutelato.

In sostanza, dunque, il tutorial è un metodo attraverso il quale il tutor trasmette a colui che da egli apprende, il suo sapere.

Online si trovano tutorial su moltissimi argomenti: pensiamo ad esempio a tutti quei tutorial che riguardano il fai da te, per realizzare idee creative utili ai contesti più disparati, bomboniere, riciclo di abiti, origami, oppure ai tutorial sul make up, sui capelli o su come abbinare gli indumenti tra loro o alle scarpe.

Un valido (e probabilmente più conosciuto) esempio è il programma televisivo “Art attack”, condotto da Giovanni Muciaccia: all’interno di esso viene presentata, passo per passo, la realizzazione di piccoli lavori di bricolage con materiali facilmente reperibili.

Ma tornando al web, i tutorial hanno a che fare davvero con ogni tipo di materia, e alcuni di essi sono irrinunciabili in quanto non riguardano attività di “svago” bensì procedure obbligatorie della vita caotica di questo millennio.

E’ il caso dell’INAIL, che nel 2018 ha lanciato un’applicazione (ALPI online 2018) per calcolare l’autoliquidazione. Essendo obbligatorio per i datori di lavoro calcolare regolazione e rata (da pagare poi tramite F24), è stato ritenuto opportuno realizzare un tutorial video rintracciabile su Youtube, che spiega dettagliatamente, passo per passo, in poco più di 7 minuti, come effettuare tale operazione, partendo dall’autenticazione sul sito www.inail.it, fino ad arrivare alla trasmissione della dichiarazione stilata.

Parlando ancora di svago, moltissimi sono i tutorial riguardanti il mondo dei giochi online. Tantissimi sono quelli che riguardano le slot online, uno dei giochi più amati dagli utenti di tutto lo stivale. In quest’ultimo caso in particolare, ci sono siti che presentano diversi tutorial e risorse in modo da presentarsi come una guida completa e più esauriente per gli utenti: vi sono recensioni e spiegazioni sulla meccanica delle slot, sui vari bonus, sulle metodologie di pagamento, sulle modalità dei diversi siti e su quali di essi sarebbe meglio giocare. Questi portali si  rivelano così un validissimo aiuto per muoversi nel mondo delle slot machine online senza fare passi falsi.

Infine, quando si parla di tutorial online è impossibile non nominare colui che, negli anni, è diventato il re dei tutorial, l’uomo che grazie a questi ha fondato una Srl a socio unico e ha fatturato più di un milione di euro: Salvatore . Questo ragazzo da 3 milioni di visite al mese, col suo sito www.aranzulla.it, ha aiutato milioni di italiani a risolvere i loro piccoli o grandi problemi informatici.

Se è vero che tutti i frequentatori del web, assidui o meno assidui, hanno sentito nominare almeno una volta nella vita la parola tutorial, allo stesso modo è impossibile che essi non siano mai incappati, almeno una volta nella vita, in un tutorial di Salvatore Aranzulla.

Che ci sentiamo di ringraziare profondamente, così come tutti coloro che, con questo recente metodo o con altri più antichi ma comunque efficaci, ci trasmettono il loro sapere.

Continua a leggere
Pubblicità

Cultura

Cilento, Trentinara. Fattoria didattica gratutia: il sogno di Nicola Arpaia

Pubblicato

in

Il sogno di una fattoria didattica gratuita per adulti e bambini. La raccolta fondi avviata da Nicola Arpaia per il progetto sociale teso al recupero del legame inscindibile con la natura, coinvolgendo i giovani e restando al sud

 

 

«Fin da bambino coltivo il sogno di diventare un imprenditore agricolo e di dar vita ad una fattoria didattica per permettere a bambini e adulti, gratuitamente, di poter vivere un’esperienza a contatto diretto con l’ambiente naturale e gli animali. Un desiderio che ha iniziato a manifestarsi all’età di 14 anni, quando mio padre, all’inizio degli anni 2000, ha comprato un appezzamento di terreno a Trentinara, nel Cilento. Da quell’istante è nato il mio sogno, ovvero vivere in natura.

Così, poco più che adolescente, ho iniziato ad investire i miei primi risparmi in questo progetto, già dall’età di 18 anni fino ad oggi che ne ho 28. Ora però ho bisogno del vostro aiuto per realizzare concretamente il mio sogno e per far sì che questa idea cresca e che da un semplice appezzamento di terreno possa nascere una piccola impresa agricola, sviluppata su una visione rural ed ecosostenibile, che coniughi le metodologie arcaiche tramandate dalle antiche generazioni alle nuove metodologie dell’industria 4.0 e dell’innovazione, senza però perdere la sua vocazione originaria e identitaria. Perché fare agricoltura in Campania, ed in particolare nel Cilento, significa custodire un patrimonio prezioso di biodiversità, affinché non vada disperso dalla globalizzazione o dalla massificazione.

Agricoltura è cultura, è tradizione, è artigianalità: è il lavoro dell’uomo, che riesce a costruire valore attraverso le sue mani solcate dalla fatica. Fascino e fatica, ma anche nuova economia e sviluppo per le aree interne, che può allargarsi anche ad altri giovani come me: ben 6 ragazzi insieme a me, della mia stessa età, che avrebbero l’opportunità di non abbandonare il Meridione o l’Italia per un altro destino, per costruire share economy qui al Sud. Mantenere viva la tradizione e tramandarla ai più piccini, alle famiglie, alle giovani generazioni.

Vogliamo rimanere qui, vogliamo concretizzare qui il nostro sogno, con allevamenti di animali liberi al pascolo, con produzioni bio e laboratori artigianali per realizzare prodotti di nicchia con le antiche ricette. Abbiamo bisogno però del vostro sostegno.

Ho deciso di sfidare un sistema economico che presenta numerose criticità nel Mezzogiorno e di non farmi scoraggiare dal contesto socio-economico sfavorevole. Anzi, voglio rilanciare la mia idea e realizzare un progetto che faccia sentire completi e pienamente realizzati tutti coloro che, anche con pochi centesimi, ci sosterranno nella nostra impresa. Per questo abbiamo deciso di lanciare la nostra progettualità di crowdfunding, con una raccolta fondi per una start-up a cui tutti possono contribuire.

Abbiamo una struttura a disposizione di circa 500 metri quadri, il cui piano sottostante sarà destinato ai diversi laboratori artigianali, impostato sul concept “dal produttore al consumatore”, in un’ottica ecosostenibile, sviluppando il commercio di prossimità e valorizzando le nostre aree interne, che rischiano lo spopolamento, senza dimenticare il risvolto sociale, con la possibilità di occupare e di far lavorare coloro che vengono definiti “invisibili” dal governo. Uno spazio, inoltre, per bambini e famiglie, con fattoria didattica con animali e percorsi esperienziali con la riscoperta della coltivazione dell’orto. Stimolare, quindi, un nuovo stile di vita fondato sull’idea di vivere in natura, imparando a salvaguardarla, a rispettarla, incentivando forme di economia sostenibile e circolare.

Non so se ci riuscirò, ma sono sicuro che grazie a voi non mi sentirò più solo.

Aiutateci a farci restare e a continuare a sperare e credere nel nostro futuro, proprio qui a Sud, nella nostra Terra!»

Nicola Arpaia

PS. Tutte le donazioni superiori a 100€ riceveranno a casa una bottiglia di olio extravergine d’oliva di 1 litro prodotto dalle nostre piante nel Cilento.

Link donazioni: https://www.gofundme.com/f/fattoria-didattica-per-grandi-e-piccoli

Continua a leggere

Le Notizie più lette