Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Attualità

Decorazioni natalizie con palloncini

Pubblicato

in



La magia del Natale è ineguagliabile, regala emozioni uniche e fa risplendere un sorriso nel volto di ognuno di noi, in un modo così naturale che è impossibile da spiegare.

Sarà per i colori accesi e vivaci, per le illuminazioni che brillano ad ogni angolo della città, per le palline, le ghirlande, il presepe e il grande albero con la punta, o semplicemnte perchè è diventata la festa più popolarmente sentita nel mondo occidentale, capace di trasmettere gioia e serenità nel profondo del cuore.

Per tutti questi motivi ognuno di noi non vede l’ora che arrivi Dicembre, per decorare nel nostro piccolo la casa, ogni anno aggiungendo qualcosa di nuovo. C’è chi per tradizione ogni volta compra una pallina nuova da aggiungere all’albero, chi luci colorate con tanti riflessi particolari, chi palle di neve, e chi ancora tovaglie, ghirlande con fiori, stelle di Natale o nuovi personaggi del presepe.

C’è anche chi ama rompere la tradizione e seguire le tendenze che ogni anno cambiano, diventando sempre più originali e creative.

Se ami restare al passo con i tempi e decorare la tua casa all’ultima moda, allora segui passo passo tutti i nostri fantastici consigli e stupisci tutti con effetti speciali. Il tema natalizio di quest’anno sono le decorazioni con i !

Vi starete chiedendo come realizzarle, visto che tutti gli altri addobbi di Natale sono completamente diversi e sicuramente più duraturi, perchè è raro che si rovinino il primo anno che vengono utilizzati e questo permette di poterli sfruttare anche gli anni seguenti, come se fossero sempre nuovi.

Invece i palloncini si possono rompere facilmente e non possono essere conservati per essere poi riuttilizzati l’anno dopo, ma questo non rappresenta un limite per tutti gli appassionati di decorazioni originali che rompono gli schemi e si differenziano da tutti gli altri.

Quali sono le principali idee per servirsi dei palloncini?

Prima di tutto possono essere di tutti i colori che vi piacciono e vi colpiscono maggiormente, ma è meglio rispettare i classici toni del rosso, dell’argento e del dorato, che ben si adattano a ogni altra sfumatura presente nell’ambiente.

Anche per quanto riguarda la forma e le dimensioni siete liberi di scegliere le vostre preferite, senza nessun vincolo. Ovviamente se vi piace l’idea di utilizzare dei palloncini per decorare l’albero di Natale è meglio optare per quelli più piccoli, in modo che rimangano in evidenza a mezz’aria, quasi come fossero sospesi.

Per tenerli legati all’albero basta comprare del nastro, magari in raso, o della raffia per ottenere un risultato elegante e raffinato.

Allo stesso modo potete appendere dei piccoli palloncini in tutta la casa ad altezze diverse, con colori, forme e dimensioni che li differenzino tra loro, in modo da creare un effetto contrastante. Se volete essere ancora più originali potete acquistare delle tempere, dei pennarelli indelebili, dei glitter e dare libero sfogo alla vostra fantasia, realizzando scritte e disegni che non potrà avere nessun altro.

La vostra casa sembrerà quella di e i vostri bambini non staranno più nella pelle!

Potreste dare vita ad una nuova tradizione e durante la notte di Natale scoppiare tutti i palloncini o farli volare alti nel cielo, magari con la scritta di un desiderio che vorreste si realizzasse. O ancora potete attaccare tanti palloncini ad elio nei pacchetti realizzati per tutti i vostri cari, per creare una composizione e dopo aver scartato il regalo divertirvi a cambiare la vostra voce.

Il divertimento è assicurato!

Un ultimo suggerimento per rendere magico il vostro Natale con queste decorazioni è quello di creare delle vere e proprie composizioni di palloncini ed ottenere un effetto scenografico.

Infatti con un pò di manualità si può creare qualunque tipo di figura e legando i palloncini tra loro potete dare vita a un albero di Natale creato con le vostre mani, realizzando da soli anche le palline e la punta da posizionare in cima. Può sembrare una cosa difficile ma in realtà vi renderete conto che vi permetterà di divertirvi e avere soddisfazione per quello che siete riusciti a fare.

A questo punto non vi resta che comprare tutti i palloncini che vi servono e tutto il materiale necessario!

Se cercate una piattaforma completa con palloncini di ogni genere adatti a decorare ogni tipo di festa vi segnaliamo https://www.palloncinimix.com/ che vi offre un’amplia sezioni di palloncini natalizi, ottimi da utilizzare in questo periodo.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

E’ morta la giornalista Rossana Rossanda, fondatrice del Il Manifesto

Pubblicato

in

E’ morta nella notte Rossana Rossanda. Ad annunciarlo con un tweet Il Manifesto, quotidiano da lei co-fondato.

 

“E’ morta nella notte a Roma la nostra Rossana Rossanda – si legge – Aveva 96 anni. Ricorderemo la nostra fondatrice sul giornale in edicola martedì”.

Nata a Pola il 23 aprile 1924, fra il 1937 e il 1940 Rossana Rossanda frequentò il liceo classico ‘Alessandro Manzoni’ di Milano e anticipò di un anno l’esame di maturità. All’Università Statale di Milano fu allieva del filosofo Antonio Banfi; giovanissima partecipò alla Resistenza e nel 1946 si iscrisse al Pci nel 1946. Nel 1958 entrò nel comitato centrale del Pci e grazie anche alla sua vasta cultura venne nominata dal segretario Palmiro Togliatti responsabile della sezione di politica culturale del Pci, che diresse dal 1963 al 1966.

Deputato alla Camera (1963-68), partecipò nel 1969 alla fondazione del mensile “Il Manifesto” con Luigi Pintor, Valentino Parlato, Lucio Magri, Aldo Natoli, Luciana Castellina, Massimo Caprara. Accusata di frazionismo, fu radiata dal Pci. Contribuì quindi alla costituzione del movimento politico del Manifesto militando poi nel Partito di unità proletaria per il comunismo (Pdup, 1976-79), di cui fu cofondatrice. Tra i fondatori del quotidiano “Il Manifesto” nel 1971, che ha lasciato nel 2012 per discrepanze con l’allora nuova direzione, ne è stata più volte direttrice e, comunque, una delle figure più autorevoli e rappresentative.

Presso Einaudi di recente ha pubblicato l’autobiografico “La ragazza del secolo scorso” (2005), “Un viaggio inutile” (2008) e “Quando si pensava in grande” (2013). Il suo ultimo libro è “Questo corpo che mi abita” (Bollati Boringhieri, 2018). Tra i suoi libri “L’anno degli studenti” (De Donato, 1968); “Le altre. Conversazioni sulle parole della politica” (Feltrinelli, 1979); con Pietro Ingrao e altri, “Appuntamenti di fine secolo” (manifestolibri, Roma 1995); con Filippo Gentiloni, “La vita breve” (Pratiche, 1996); con Carla Mosca, il libro-intervista all’ex terrorista Mario Moretti, “Brigate Rosse. Una storia italiana” (Anabasi, 1994).

Continua a leggere



Italia

Ladro ucciso a Roma: è un siriano con precedenti penali

Pubblicato

in

Ladro ucciso a Roma: è un siriano con precedenti penali. Non e’ grave il carabiniere ferito. Si cerca complice fuggito.

 

E’ stata identificata la persona, si sospetta si tratti di un ladro, che nella notte e’ stata uccisa con due colpi di pistola dopo aver aggredito un carabiniere che lo aveva sorpreso nel cortile condominiale di un palazzo nei pressi del quartiere romano dell’Eur. Secondo quanto si e’ appreso si tratta di un 56enne siriano. L’uomo avrebbe precedente per rapina, lesioni ed evasione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ladro ucciso a Roma durante un tentativo di furto, carabiniere ferito

Il militare che aveva ferito al costato con un cacciavite e’ ricoverato in ospedale, ma non sarebbe in gravi condizioni. Sono in corso indagini per risalire al complice della vittima che e’ riuscito a scappare.  Sono confermati diversi segni di effrazione sul luogo in cui era stata segnalata la presenza di due persone sospette la scorsa notte all’Eur.

Continua a leggere



Le Notizie più lette