Pozzuoli, aggressione al Pronto Soccorso di Pozzuoli: operatore sanitario ferito

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ennesimo episodio di violenza al Pronto Soccorso del Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli ha provocato ferite a un operatore sanitario.

Una donna con Colica renale è arrivata in ospedale e, a seguito di un lungo tempo di attesa, il marito ha reagito in maniera violenta distruggendo l’arredamento della sala d’attesa e aggredendo fisicamente un OSS, causandole un trauma cranico.

Le forze dell’ordine sono intervenute sul posto per gestire la situazione e identificare l’aggressore. Questo episodio di violenza rappresenta un ulteriore segnale di allarme sull’increscioso trend di aggressioni al personale sanitario, mettendo a rischio non solo la loro sicurezza, ma compromettendo anche la qualità dell’assistenza erogata.

    Appello per la Sicurezza sul Lavoro

    Il Presidente dell’NTI, Dott. Manuel Ruggiero, ha lanciato un appello per una maggiore sicurezza sul lavoro nel settore sanitario, sottolineando l’importanza di adottare misure concrete per proteggere il personale in prima linea. Incidenti come questo mettono in evidenza la necessità di affrontare il problema delle aggressioni in ambito sanitario e di promuovere un clima di rispetto e collaborazione all’interno delle strutture sanitarie.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Camorra, assoluzione piena per i fratelli Diana: “Il fatto non sussiste”

    Assoluzione con formula piena - "il fatto non sussiste" - per i fratelli Antonio Diana e Nicola Diana, figli di Mario Diana, vittima innocente della criminalità organizzata. I due erano sotto processo a Santa Maria Capua Vetere con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il tribunale, presieduto dal giudice...

    Napoli, omicidio Coppola respinto il ricorso di Petrucci: resta in carcere

    Napoli. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha respinto il ricorso presentato dall'avvocato Antonio Bucci a favore di Gennaro Petrucci, l'imprenditore ritenuto il mandante dell'omicidio dell'ingegnere Salvatore Coppola. Petrucci, già detenuto, resta in carcere. Petrucci, marito 73enne dell'imprenditrice antiracket Silvana Fucito, è accusato di aver assoldato un killer, Mario De...

    CRONACA NAPOLI