Walter Ricci: è fuori ‘Uè’ primo singolo del progetto live ‘Naples Jazz’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Esce oggi venerdì primo marzo “Uè”, un brano che lancia il progetto live “Naples Jazz” di Walter Ricci; talentuoso cantante e pianista jazz napoletano. Il brano, prodotto dall’etichetta discografica Mr. Few, è disponibile su tutte le piattaforme digitali al seguente link

Dopo il successo ottenuto sui social con un video-reel, nato per gioco, Walter Ricci ha deciso di dare vita a questa versione registrata in studio con i suoi amici musicisti di sempre: Luigi Del Prete alla batteria, Antonio Napolitano al contrabbasso e la partecipazione straordinaria del trombettista napoletano Gianfranco Campagnoli, i quali hanno contribuito a rendere il brano un’esperienza unica e coinvolgente.

Con “Uè” parte il progetto live “Naples Jazz”, classici standard jazz americani reinterpretati utilizzando la “lingua napoletana”. Le più belle melodie d’oltreoceano, dagli anni ’40 in avanti, vengono arricchite dalla teatralità e musicalità che solo il linguaggio partenopeo può apportare.
Questa miscela di melodie e ritmi d’oltreoceano, abbinata alla “lingua madre” dell’artista, rende l’esperienza di ascolto unica e originale. Walter Ricci ha saputo creare un connubio perfetto tra la tradizione jazz e la sua radice napoletana, regalando al pubblico un sound fresco, allegro e coinvolgente, un viaggio musicale unico nel suo genere che gode della collaborazione ai testi del paroliere Alessio Bonomo.

    Walter Ricci, classe ’89, è considerato a livello internazionale la next big thing del jazz swing contemporaneo-cantautorale. Il suo talento e la sua passione per la musica si fondono in un mix irresistibile che conquista il pubblico ad ogni esibizione.

    Etimologia di “Uè” (esclamazione che proviene dalle regioni dell’Italia meridionale): esprime sorpresa, stupore o per richiamare l’attenzione, specialmente rivolta a persone: “ué, mi hai sentito?”; “ué, chi si rivede!”

     

    Walter Ricci, classe 1989, cresce in un ambiente musicale grazie agli stimoli provenienti dal padre musicista. Si forma così con l’ascolto di ogni genere di musica ma, fin da giovanissimo, è il jazz in tutte le sue declinazioni a incuriosirlo e ad appassionarlo, dallo swing al bebop sino al contemporary jazz. Attratto dai colossi come Frank Sinatra, Tony Bennet ed Ella Fitzgerald, si dedica allo studio del pianoforte specializzandosi da subito in tecnica dell’improvvisazione e in pochi anni calca i palchi più ambiti e importanti dei jazz club nazionali, esibendosi con musicisti di rinomata fama.

    Nel 2006 vince il “Premio Nazionale Massimo Urbani” e la sua carriera ha definitivamente inizio. È in quell’occasione che incontra il trombettista torinese Fabrizio Bosso, che spesso lo vorrà accanto a se e che lo sosterrà negli anni a seguire.

    Nel 2007 suscita l’interesse di alcuni network internazionali e testate giornalistiche come “Jazz Magazine” e “Jazzit”, che gli dedicano diverse interviste.

    Nel 2008 incontra Stefano Di Battista, con il quale si esibisce in Italia e all’estero, in Francia, Spagna, Svizzera.

    Nel 2009-10 arriva l’incontro con Pippo Baudo che lo invita al programma Domenica In come vocalist dell’orchestra diretta da Pippo Caruso. Nelle numerosissime puntate del programma, in onda sulla prima rete nazionale, ha l’occasione di incontrare e duettare con artisti di fama internazionale, tra i quali Michael Bublè e Mario Biondi. Quest’ultimo lo inviterà a collaborare nel suo disco e nel suo tour.

    Nel 2015 partecipa e arriva in finale al prestigioso concorso canoro Monk Competition organizzato da Quincy Jones a Los Angeles.

    All’inizio del 2016 Fabrizio Bosso lo chiama a partecipare stabilmente nel suo tour “Spiritual” e incidono un album per la collana dedicata al jazz italiano pubblicata dall’Espresso. A settembre dello stesso anno partecipa al festival internazionale New Wave contest a Sochi, in Russia, dove si aggiudica il primo posto sul podio.

    Nel 2021 riceve il prestigioso Premio Lunezia a Roma esibendosi al Colosseo, “per la poetica del testo, per il sound retrò dal lusinghiero aplomb e per la straordinaria abilità interpretativa dell’artista che muta la voce in veicolo di emozioni eterne”, cosi scrisse Selene Pascasi, giornalista autrice di Il sole 24 ore.
    Nel 2022 incide l’album “Walter sings Nat King Cole”, un personalissimo omaggio al grande artista americano stampato in formato vinile e in tiratura limitata., presentato nei più prestigiosi festival e rassegne internazionali.
    Walter Ricci, esibendosi sia con formazioni proprie sia in collaborazione con artisti di chiara fama, dimostra di avere non solo la padronanza della grande tradizione dei più noti crooner d’oltreoceano ma, grazie all’ascolto senza restrizioni e all’amore senza limiti per la musica di ogni genere e tempo, di riuscire a creare uno stile personale denso di sfumature e di nuove sonorità, che spazia con grande naturalezza dal jazz al pop.

    Nel 2023 l’artista Walter Ricci interpreta e da voce a Fred Buscaglione nello spettacolo teatrale intitolato “Fred!”, con Fabrizio Bosso e la regia di Arturo Brachetti, andato in scena a Torino al teatro Carignano per dodici giorni registrando sempre sold out.

    A gennaio 2024 la Fondazione Ravello ha messo in scena all’Auditorium Oscar Niemeyer l’orchestra Salerno Jazz Orchestra diretta da Sandro Deidda con la voce di Walter Ricci come ospite speciale.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE