Strage di Altavilla: movente economico di coppia di complici nella villetta degli orrori

SULLO STESSO ARGOMENTO

La strage avvenuta a Altavilla Milicia, in provincia di Palermo, dove sono state uccise Antonella Salamone e i figli Kevin ed Emanuel, è stata collegata alla pista del fanatismo religioso e al rito di esorcismo per “scacciare il diavolo” dalla casa.

Tuttavia, dietro questa strage potrebbero esserci motivi economici, secondo quanto riportato da fonti locali.

La coppia coinvolta nella strage viveva in condizioni economiche precarie, con l’uomo che percepiva solo la pensione di invalidità e la compagna che guadagnava qualche soldo dalla vendita online di prodotti alimentari e cosmetici naturali.



    Anche il reddito di cittadinanza li aiutava, ma quando è stato sospeso, la situazione si è ulteriormente aggravata. Questo fa pensare che i due potessero aver qualche interesse economico legato alla villetta posseduta dalla madre di Antonella Salamone, e che potessero cercare di spingere Barreca a lasciare la proprietà.

    Una possibile ipotesi è che i complici di Barreca avessero inizialmente intenzione di manipolarlo per ottenere la villetta e, alla scoperta che la madre di Antonella Salamone non l’avrebbe venduta, abbia scattato la “vendetta” su di lei e sui suoi figli.

    Attualmente, né Carandente né Fina hanno risposto alle domande del giudice delle indagini preliminari. Entrambi hanno un nuovo avvocato difensore, Marco Rocca, del foro di Crotone. Rocca ha dichiarato che la coppia si è incontrata nella villetta perché si conoscevano, ma non hanno mai parlato di esorcismo. Secondo lui, il loro era un rapporto di amicizia forse nato dai social.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Miglioramento dell’organizzazione dei taxi a Piazza Garibaldi a Napoli

    Riunione per ottimizzare il servizio taxi Il prefetto di Napoli, Michele Di Bari, ha guidato una riunione al Palazzo di Governo per discutere delle problematiche legate alla logistica dei taxi presso la stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi. Presenti l'assessore alla Legalità e Polizia locale del Comune di Napoli, rappresentanti...

    In ospedale 3 studenti e 2 insegnanti di Salerno in gita a Montecatini

    Tre studenti e due insegnanti, facenti parte di una comitiva in gita scolastica da Salerno e che alloggiavano in un albergo di Montecatini Terme (Pistoia), sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso di Pescia (Pistoia), perché accusavano disturbi gastrointestinali a carattere acuto. E' quanto reso noto dall'Asl Toscana...

    Marcianise, incastrato in rulli bobina: muore operaio

    Tragedia sul lavoro nel Casertano. Non ce l'ha fatta l'operaio di 53 anni che ha perso la vita in un'azienda nella zona industriale di Marcianise. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, lo scorso 11 aprile la vittima, di Casoria (Napoli), stava effettuando lavori di manutenzione su una ribobbinatrice...

    Napoli, evaso dal carcere di Nisida: 19enne preso ai Quartieri Spagnoli

    Durante un'operazione della Polizia di Stato, un giovane di 19 anni è stato arrestato per evasione. Gli agenti della Squadra Mobile hanno intercettato il giovane mentre tentava di fuggire su uno scooter. Dopo un breve inseguimento, è stato catturato e si è scoperto che era evaso il 3 aprile scorso...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE