Napoli, sbagliano a leggere la sentenza e finisce in carcere ingiustamente

SULLO STESSO ARGOMENTO

La sentenza iniziale sembrava inequivocabile: condanna definitiva per concorso in tentata estorsione. Tuttavia, quando sono giunte le motivazioni, è emerso che il ricorso presentato era stato accettato, senza nemmeno essere rinviato alla Corte d’Appello.

Purtroppo, nel frattempo, l’imputato aveva già scontato la pena in una cella del carcere di Poggioreale. Questo caso è accaduto a Napoli, coinvolgendo un operaio di 40 anni, senza precedenti penali, accusato di aver fatto da tramite tra la camorra e la presunta vittima di estorsione.

La sua vicenda giudiziaria è segnata da una serie di errori che il suo avvocato, Maurizio Capozzo, attribuisce a una “negligenza senza precedenti”. V.S., sposato e con figli, è stato posto ai domiciliari nel maggio del 2020 per concorso in tentata estorsione aggravata. Dopo un processo abbreviato, è stato condannato a 4 anni di carcere.

    L’appello è stato fissato nel 2022, ma le parti non sono state avvisate e la sentenza di primo grado è stata confermata senza la possibilità di difendersi.

    L’imputato e il suo avvocato hanno presentato un ricorso in Cassazione. L’udienza si è tenuta nel settembre del 2023: il procuratore generale, nel suo intervento, ha condiviso le argomentazioni difensive e ha chiesto l’annullamento della sentenza di appello. Tuttavia, la Corte, dopo una breve camera di consiglio, ha dichiarato il ricorso inammissibile e ha ordinato l’arresto immediato.

    Così, l’indomani mattina, V.S. è stato rinchiuso in cella, dove ha dovuto scontare solo pochi mesi di pena. Nonostante potesse essere liberato anticipatamente, è rimasto in carcere per circa un mese.

    Il colpo di scena è arrivato a dicembre, quando finalmente è stato rilasciato. La Suprema Corte ha depositato le motivazioni, e sia l’operaio che il suo avvocato hanno appreso con sorpresa e rabbia che il loro ricorso era stato accolto. La sentenza era stata annullata senza neanche essere rinviata.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Quali varietà di dalie vengono acquistate spesso in Italia?

    Le Variètà di Dalie più Amate in Italia Le dalie, conosciute scientificamente come Dahlia, sono fiori popolari in Italia, apprezzati per la loro straordinaria bellezza...

    Napoli, i LËV presentano dal vivo l’EP di debutto: martedi 20 febbraio

    Esibizione live degli LËV a Napoli per presentare il loro EP di debutto Gli LËV stanno per rilasciare il loro EP di debutto intitolato...

    Napoli, aggressioni e furti a Chiaia: 7 arresti

    Quattro sono gli autori della tentata rapina e aggressione al Flanagan's di Chiaia dell'agosto scorso

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE