Mugnano, morte del piccolo Raffaele, l’Asl: “Praticata rianimazione per 35 minuti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Non sono bastati 35 minuti di manovre di rianimazione per ridare la vita al piccolo Raffaele B. di soli 4 anni morto ieri all’ospedale san Giuliano di Giugliano.

In una nota dell’Asl Napoli 2 Nord viene ricostruita tutta la tragedia e ilk lavoro svolto dal personale visto che è stata aperta un’inchiesta da parte della magistratura dopo la denuncia presentata dai genitori del piccolo.

Il personale del 118 è arrivato a Mugnano, a casa dei nonni dove si trovava il piccolo, dieci minuti dopo la chiamata alla centrale e ha prontamente avviato le manovre per liberare le vie respiratorie a causa dell’ingestione di un corpo estraneo di piccole dimensioni.



    Successivamente, il bambino è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale San Giuliano, dove sono state eseguite manovre di emergenza per un arresto cardio-respiratorio durante il tragitto.

     Il bambino non ha risposto alle cure

    Nonostante l’immediato intervento del personale medico e infermieristico del pronto soccorso, che ha seguito tutte le procedure rianimatorie previste dal protocollo PALS (che gestisce le risposte a eventi clinici potenzialmente fatali che coinvolgono bambini e neonati), il bambino non ha risposto alle cure ed è stato dichiarato deceduto dopo oltre 35 minuti di tentativi di rianimazione.

    Si attendono ora i risultati dell’autopsia, disposta dalla procura di Napoli Nord, per determinare le cause del decesso. L’ASL Napoli 2 Nord si unisce al dolore della famiglia in questo momento difficile e partecipa al lutto cittadino proclamato dal Comune di Mugnano di Napoli.

    @riproduzione riservata

     


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    La Giunta comunale ha dato il via libera ai lavori di messa in sicurezza di un settore delle gradinate della Curva B inferiore dello stadio Maradona. Questa decisione è stata presa in seguito al riscontro di alcuni avvallamenti dei gradoni, che hanno evidenziato la necessità di interventi urgenti. Il progetto...
    Il Giudice dell'Udienza Preliminare di Salerno ha emesso una condanna di due anni e dieci mesi di reclusione per Salvo Gregorio Mirarchi, 32 anni di Montepaone. Mirarchi è stato ritenuto responsabile delle minacce di morte contenute in una lettera inviata nel gennaio del 2023 alla Procura della Repubblica di Catanzaro,...
    Il Barcellona non accetta la sconfitta nel "Clasico" contro il Real Madrid e si prepara a chiedere la ripetizione della partita persa ieri per 3-2. La decisione è stata presa in seguito al controverso gol fantasma di Lamine Yamal, un episodio che potrebbe aver cambiato le sorti del match. Il...
    Il Napoli, tra un risultato deludente e l'altro, ha ripreso oggi nel pomeriggio gli allenamenti presso l'SSCN Konami Training Center di Castel Volturno in preparazione del prossimo match di campionato contro la Roma, in programma domenica allo Stadio Maradona alle 18:00. I giocatori si sono concentrati sul campo 2, iniziando...

    IN PRIMO PIANO