‘Le cinque rose di Jennifer’, per la regia di Gabriele Russo, debutta al Teatro Biondo di Palermo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Gabriele Russo: “Lo specchio della città di Napoli”.

Martedì 6 febbraio alle ore 21 (repliche fino all’11 febbraio) debutta nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, “Le cinque rose di Jennifer” di Annibale Ruccello, nella messa in scena diretta da Gabriele Russo e prodotta dalla Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini.

Protagonista, nei panni di Jennifer, è Daniele Russo, al suo fianco Sergio Del Prete. Le scene sono di Lucia Imperato, i costumi di Chiara Aversano, le luci di Salvatore Palladino e il progetto sonoro di Alessio Foglia.



    Le cinque rose di Jennifer è l’opera che nel 1980 impose all’attenzione del pubblico e della critica il talento di Annibale Ruccello, attore, regista, drammaturgo che ha saputo cogliere l’anima più autentica e contrastata della città di Napoli. Jennifer è un travestito, sognatore e romantico, che abita in un quartiere popolare della Napoli degli anni ’80. Chiuso in casa, aspetta la telefonata di Franco, l’ingegnere di Genova di cui è innamorato e al quale dedica continuamente la canzone Se perdo te di Patty Pravo, trasmessa da una stazione radio che nel frattempo lancia continui aggiornamenti su un serial killer che uccide i travestiti del quartiere.

    Un inedito Russo, affiancato in scena da Sergio Del Prete, restituisce tutta la malinconia del testo senza sacrificarne l’irresistibile umorismo. Gabriele Russo, che affronta per la prima volta un testo di Ruccello, annuncia una messinscena dall’estetica potente, fedele al testo e, dunque, alle intenzioni dell’autore: “Ci atteniamo alle rigide regole e alle precise indicazioni che ci dà Ruccello stesso – spiega il regista – cercando di attraversare, analizzare, capire sera per sera, replica dopo replica, un testo strutturalmente perfetto, che delinea un personaggio così pieno di vita che pare ribellarsi alla mano di una regia che vuole piegarlo alla propria personalissima visione. Non è un testo su cui sovrascrivere ma in cui scavare, per tirare fuori sottotesti, possibilità, suggestioni, dubbi”.

    Per Russo, il testo di Ruccello è lo specchio della città di Napoli.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE