Napoli, spara petardi tra la folla del Concerto in piazza Plebiscito: arrestato 39enne di Acerra

SULLO STESSO ARGOMENTO

Notte agitata nel centro di Napoli, con arresti e denunce anche tra i minori.

I Carabinieri della Compagnia Napoli Centro, poco prima della mezzanotte e fino alle prime luci del mattino, hanno effettuato numerosi controlli nelle zone della movida, tra cui via Toledo, piazza Trieste e Trento, piazza del Plebiscito e Chiaia.

Durante i controlli, svolti insieme ai militari del Reggimento Campania in occasione dei festeggiamenti legati al Capodanno, sono state effettuate centinaia di verifiche, portando all’arresto di due persone e alla denuncia di altre 13, tra cui 6 minorenni, uno dei quali era in possesso di una pistola a salve.

Nel caos della fuga tra piazza Trieste e Trento e via Chiaia, è stato arrestato Raffaele Celardo, 39 anni, di Acerra, già noto alle forze dell’ordine. I Carabinieri lo hanno bloccato mentre stava facendo esplodere ordigni non convenzionali e clandestini durante il concerto di Capodanno. Gli artificieri del comando provinciale di Napoli hanno valutato i botti come “micidiali”. Celardo è stato trovato in possesso di altri due esplosivi artigianali ed è attualmente in attesa di giudizio.

Angelo Affinita, 48 anni, originario di Santa Maria a Vico e già noto alle forze dell’ordine, è stato anch’esso arrestato dopo aver fornito generalità false ai militari.

 14enne lanciava petardi tra i passanti nella galleria Umberto

Tra i minorenni denunciati, un 14enne è stato sorpreso lanciando petardi tra i passanti nella galleria Umberto, mentre un altro 14enne è stato bloccato a largo Berlinguer con una pistola a salve priva di tappo rosso. Un 16enne è stato denunciato per guida senza patente, mentre un ragazzo di 17 anni è stato trovato con un chiodo di 6 centimetri senza giustificazione. Un 17enne napoletano è stato segnalato alla procura dei minorenni per aver opposto resistenza ai carabinieri.

I controlli stradali hanno portato alla denuncia di due persone di 22 e 23 anni trovate in possesso di ordigni artigianali illegali all’interno delle loro auto. Infine, due uomini di 54 e 34 anni sono stati denunciati mentre facevano esplodere fuochi d’artificio in piazza Trieste e Trento, ignorando la presenza di numerosi passanti e auto in sosta.

Tre persone, sottoposte agli arresti domiciliari, sono state denunciate per aver violato le misure restrittive durante i festeggiamenti del nuovo anno. Un parcheggiatore abusivo di 48 anni è stato denunciato come recidivo.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Patto camorra”ndrangheta per incassare fondi covid: 15 arresti e 108 indagati

Sequestrati diamanti e orologi di lusso. I soldi riciclati in Bulgaria.

Concerto ‘Bach & Vivaldi’ alla Domus Ars: il 22 febbraio per la rassegna De Tasto et De Chorda

Concerto "Bach & Vivaldi" alla Domus Ars: 22 febbraio per la rassegna De Tasto et De Chorda La Rassegna di rarità musicali De Tasto...

Forio, arrestato pusher 31enne

Nel corso dei controlli pomeridiani a Forio, sull'Isola d'Ischia, la Polizia di Stato ha arrestato un 31enne in possesso di droga. Durante un'ispezione presso l'abitazione...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE