Borrelli denuncia: “Online occhiali da boss che associa Scampia e il Cristo Velato”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Diversi cittadini hanno segnalato al deputato Francesco Emilio Borrelli credo una pubblicità vergognosa di una ditta (risulterebbe di Catania) che per pubblicizzare un occhiale utilizza il quartiere di Scampia associandolo in modo indegno alla camorra e alla violenza.

“Addirittura una pistola viene associata al cristo velato. Un abbinamento diffamatorio – dichiara il deputato dell’Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli – che unisce in modo forzato e denigratorio Napoli, arte e camorra.

Un’offesa a un intero quartiere che ha subito la pressione della camorra con tante vittime innocenti e dove oggi ci sono tantissime realtà civiche e sociali che hanno aggregato le persone perbene che sono la maggioranza. Tra l’altro l’idea di occhiali criminali a numero limitato dove si associa il quartiere con le pistole e la camorra è indecoroso.

    Questo video e questa operazione commerciale ci fa capire quanto sia ancora diffuso il mito dei camorristi e quanto aziende e utenti paghino anche cifre importanti per vestire e assomigliare a boss e criminali. Uno squallore immenso oltre che un’offesa a tutte le persone perbene e alle vittime della criminalità.

    Per non parlare dell’uso improprio del Cristo Velato simbolo di bellezza e cultura associato alla peggiore sottocultura criminale”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE