Nola, a bordo di un’auto rubata e con targhe francesi: denunciato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un quarantenne di Nola è stato denunciato dalla Polizia di Stato per aver guidato un veicolo rubato con targhe false francesi e telaio contraffatto.

Durante i controlli stradali di martedì, la Polizia Stradale di Nola ha fermato una FIAT 500 con targa francese in Via San Massimo.

Dopo aver eseguito gli accertamenti, gli agenti hanno scoperto che la targhetta identificativa nel vano motore non corrispondeva a quella originale e che l’auto era stata segnalata come rubata a Grumo Nevano nel novembre 2022.

    Il conducente, un 39enne di Nola con precedenti penali, è stato quindi denunciato per riciclaggio, contraffazione e utilizzo di sigilli di Stato. Sono state inoltre contestate diverse violazioni al Codice della Strada e l’auto è stata sequestrata.

    @riproduzione riservata

     

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Calciatore 20enne muore a casa dei nonni

    Tragedia a Stabbia: giovane calciatore morto a causa di un malore improvviso. Un drammatico lutto ha scosso la comunità di Stabbia, nel Comune di Cerreto...

    Aggredisce guardia giurata all’ospedale Villa Betania di Ponticelli

    Ieri sera, poco prima delle 23, un individuo di 33 anni ha attaccato verbalmente e fisicamente una guardia giurata all'interno del pronto soccorso dell'ospedale...

    Sant’Anastasia, la giostrina incendiata da tre bambini di 11, 8 e 3 anni: denunciata la mamma

    Sembra incredibile eppure è così: ad incendiare la giostrina nel parco comunale di Sant'Anastasia sono stati tre bambini di 11, 8 e 3 anni. Utilizzando...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE