L'EPISODIO

Controlli a Casal di Principe, tre persone denunciate

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nei comuni di Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa, Casapesenna, Villa Literno e Cancello ed Arnone, i carabinieri delle competenti Stazioni dipendenti dalla Compagnia di Casal di Principe, nel corso di un servizio coordinato di controllo del territorio hanno proceduto al controllo di 12 esercizi commerciali.

Non solo negozi: i carabinieri hanno controllato anche 50 veicoli e 186 persone, elevando 18 verbali al codice della strada e ritirando una patente di guida e 2 carte di circolazione. Due sono stati i veicoli sequestrati. Tre persone, invece, sono state deferite in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza.

Nel corso del medesimo servizio un 35enne di origini tunisine e residente a San Marcellino è stato denunciato per violazione del divieto di ritorno nel comune di Villa Literno mentre, un 34enne del napoletano è stato denunciato per il reato di abusivismo edilizio. Infine una persona originaria del Burkina Faso è stato denunciato per ricettazione perché fermato alla guida di ape car con telaio alterato.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Quarto, schianto dopo la partita, muore arbitro di 22 anni

Fabio Buoninsegni, un arbitro di calcio di 22 anni, di Quarto è morto in seguito a un grave incidente stradale avvenuto dopo una partita...

Camaldoli, ruba grate in ferro da una proprietà del Comune: arrestato

Arrestato un uomo nella zona dei Camaldoli per furto di grate in ferro di proprietà del Comune di Napoli. Gli agenti del Commissariato Arenella hanno...

Calciatore 20enne muore a casa dei nonni

Tragedia a Stabbia: giovane calciatore morto a causa di un malore improvviso. Un drammatico lutto ha scosso la comunità di Stabbia, nel Comune di Cerreto...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE