Quando Kissinger vide il Napoli di Maradona schiantare la Juventus al Delle Alpi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Henry Kissinger aveva una forte passione anche per il calcio. Nel 1988 si presentò a sorpresa all’ex Delle Alpi di Torino per vedere un Juventus-Napoli.

PUBBLICITA

Era con il suo amico: l’avvocato Gianni Agnelli. Ma per i due grandi tifosi bianconeri fu una giornata nefasta il 20 novembre del 1988 perchè il Napoli di Maradona, che l’anno prima aveva vinto lo scudetto rifilò ben 5 reti alla Juve. Resta una memorabile intervista pre-partita di Giampiero Galeazzi a cui Kissinger disse di amare il calcio e di sperare “che diventi uno sport americano”.

Ma nonostante quella clamorosa vittoria per 5-3 il Napoli arrivò secondo dietro all’inter dei record.



    Kissinger da piccolo, prima di scappare della Germania, aveva fatto un tentativo nelle giovanili della squadra del paese, il Greuther Fürth, per cui ha tifato per il resto della sua vita, facendosi informare sui risultati della squadra dall’ambasciata tedesca ogni lunedì mattina.

    Nel settembre del 2012, dopo la prima storica promozione in Bundesliga, Kissinger ha mantenuto la promessa di andare a vedere una sua partita dal vivo. Nel 1978, dopo essersi fatto vedere sugli spalti accanto al dittatore Jorge Videla a Rosario per la celebre partita del ‘mondiale della vergogna’ tra Argentina e Perù, fu nominato presidente del board della Nasl (North American Soccer League), antenata della Mls, dove giocarono Pelé, George Best e il suo amato Franz Beckenbauer.

    “Gli eroi diventano miti quando arricchiscono le vite di tutti noi, quando toccano i nostri cuori. Beckenbauer, il Kaiser, era uno di questi miti”, confessò in occasione del suo centesimo compleanno in una lunga intervista al sito del Bayern Monaco, club di cui era membro dal 1989 nonostante non fosse mai stato suo tifoso.

    Intervista nella quale ha distillato alcune massime su questo sport, come “il calcio al suo più alto livello è complessità che si maschera da semplicità”, “il calcio è un bel gioco per le masse, che possono identificarsi totalmente con le sue passioni, i suoi improvvisi trionfi e le sue inevitabili delusioni”. Kissinger provò anche a portare i Mondiali del 1986 negli Stati Uniti, ma la spuntò il Messico.

    @riproduzione riservata

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui





    Ci sono ben 11 strade a rischi crollo nella zona della Municipalità 5 di Napoli. La presidente Milena Cozzolino, dopo la voragine davanti al civico 63 in via Morghen al Vomero che ha inghiottito 2 auto, un grosso albero e un palo della pubblica...

    Prossima Partita

    Classifica

    IN PRIMO PIANO

    Ultime Notizie

    Calzona: “I ragazzi hanno fatto passi da gigante. Champions? Pensiamo partita per partita”

    Francesco Calzona, tecnico del Napoli, ha parlato ai microfoni di DAZN dal Mapei Stadium al termine della partita del recupero della 21esima giornata di Serie A vinta con il punteggio di 6-1 contro il Sassuolo, la prima vittoria della sua avventura partenopea alla terza presenza in panchina. "Osimhen sta gradualmente ritrovando la sua migliore forma fisica dopo circa un mese...